Capoluoghi >> PLAUSO AL FINANZIAMENTO PER L’ELIPORTO

Editoriali

Guida TV

PLAUSO AL FINANZIAMENTO PER L’ELIPORTO
PLAUSO AL FINANZIAMENTO PER L’ELIPORTO

Teramo, 10 febbraio 2019 -

L’Anaao Abruzzo accoglie con soddisfazione la notizia del finanziamento di duecentomila euro, concesso dalla Regione Abruzzo, per la realizzazione dell’eliporto a Scanno. Nei giorni scorsi eravamo intervenuti per denunciare la paradossale mancanza di un presidio emergenziale in una zona, quella del lago di Scanno, nota per il suo pregio turistico in tutto il mondo.

Una riflessione condivisa con i sindaci di Scanno e di Villalago - preoccupati come noi per i pesanti riflessi che il continuo taglio delle risorse potrebbe avere sulle aree interne e disagiate della nostra regione - e rappresentata anche al manager della Asl di Avezzano-Sulmona-L’Aquila.  Il quale, dopo aver svolto un incontro a Scanno con gli stessi sindaci, come da noi auspicato, ha promesso che a breve alcuni specialisti ospedalieri (neurologi, diabetologi) saranno periodicamente presenti in quei territori.

 

È una questione di civiltà, ma anche di equità: non è giusto che zone già penalizzate fortemente dal fenomeno dell’abbandono siano prive anche dei servizi essenziali. Peraltro, come già detto, nella nostra regione l’età media è superiore a quella nazionale e a rimetterci sono le categorie più deboli come anziani e bambini.  

 

L’eliporto a Scanno potrà velocizzare i soccorsi, se necessario, e offrire una speranza di salvezza non solo alle vite umane ma anche al futuro di paesi che hanno bisogno, adesso più che mai, di attenzione. Inoltre sarà importante per la sicurezza dei numerosi turisti che ogni anno affollano questa bella località e gli altri paesi del comprensorio. È soltanto un segnale, tuttavia importante.

 

Come promesso, i medici dell’Anaao Abruzzo sono pronti a fare la propria parte contribuendo all’avvio di questo percorso di rinascita. Su questa linea, non possiamo che auspicare che il nuovo governo regionale dedichi maggiore attenzione alla sanità delle aree interne e disagiate.

 

Alessandro Grimaldi, Segretario Anaao-Assomed Abruzzo