Capoluoghi >> PREMIO NAZIONALE BASILIO CASCELLA

Editoriali

Guida TV

PREMIO NAZIONALE BASILIO CASCELLA
PREMIO NAZIONALE BASILIO CASCELLA

Ortona, 20 maggio 2019 - Il fascino dell’arte si attacca alle pareti di una residenza storica con la Torre Della Loggia ad Ortona. Per il secondo anno consecutivo, dal 19 maggio al 1 giugno, quest’antica dimora incastrata nel quartiere medievale di Torrevecchia ospita il Premio Nazionale di arte contemporanea di pittura a fotografia Basilio Cascella.

Basilio Cascella nasce a Pescara nel 1860 e nel 1870 si trasferisce ad Ortona dove trascorre la sua infanzia. La passione per la pittura lo porterà a viaggiare nella sua vita ma anche a tornare alle radici e lavorare con artisti come Gabriele D’Annunzio, Francesco Paolo Tosti e Costantino Barbella. Questo pittore ha lasciato il suo segno tra le file dell’arte e dentro Ortona, per questo nel 1955, a distanza di cinque anni della sua dipartita, viene istituito il Premio a lui dedicato.

Inizialmente questa collettiva si sviluppa come estemporanea locale di pittura per volere di Michele e Tommaso Cascella con Tommaso Rosario Grilli. Nel 2007 Pasquale Grilli, nipote dello stesso Tommaso Grilli, decide di aggiungere ai dipinti la fotografia per rendere omaggio anche al fotografo Matteo Basilè ultimo discendente della dinastia Cascella. Ogni anno la mostra cerca di sviluppare un tema nuovo, quello di quest’anno è L’Avidità. Sono state selezionate da un’apposita giuria 15 dipinti e 15 fotografie per l’esposizione. Alessandro Passerini curatore della mostra insieme a Pasquale Grilli, ci racconta che per la scelta delle opere ogni artista ne invia una principale più altre due di appoggio perché è necessario andare oltre a quello che l’occhio può vedere.

Lo scopo del Premio Cascella è di promuovere l’arte, per questo si differenzia anche da molte altre collettive non richiedendo la quota d’iscrizione a chi espone. Camminando dentro la Torre Della Loggia per osservare le opere che si snodano tra le remote mura, si percepiscono le idee e la passione che vogliono comunicare i loro autori. Il primo giugno avverrà la conclusione della collettiva e la premiazione con il premio della critica e il premio popolare. Quello popolare, differentemente da quello della critica decretato da una giuria, è deciso da tutte le persone che andando a visionare l’evento perché possono lasciare la loro preferenza. Per chiunque voglia vedere, scoprire e perdersi nel fascino delle sensazioni e gustare l’arte dentro il passato mettendo anche il proprio giudizio la meta è il Premio a Basilio Cascella.

Paola Di Virgilio