Capoluoghi >> PER FORTUNA DEI CITTADINI

Editoriali

Guida TV

PER FORTUNA DEI CITTADINI
PER FORTUNA DEI CITTADINI

Ortona, 16 luglio 2019 - “Per fortuna dei cittadini ortonesi il Comune di Ortona già a giugno 2017 aveva un bilancio risanato, in linea con i parametri della normativa statale - dichiara il coordinatore di Ortona Popolare, ex assessore al bilancio del Comune di Ortona, Gianluca Coletti - Non appena ci siamo insediati nel maggio 2012, dopo aver analizzato l’ormai nota grave situazione in cui si trovava il bilancio e la cassa del Comune, di cui l’assessore Francesco Falcone è perfettamente a conoscenza essendo stato in quel periodo componente del Collegio dei revisori del Comune, è stata avviata una complessa attività di revisione della spesa."

L’eliminazione di sprechi ben noti allo stesso assessore Falcone e la razionalizzazione della spesa sono stati i due aspetti maggiormente significativi che hanno caratterizzato la gestione degli esercizi finanziari 2012 (da maggio), 2013 e 2014. Sana e attenta gestione poi ripresa nel 2016 anche dall’allora assessore al bilancio Luigi Menicucci”.

 

“In particolare – continua Gianluca Coletti – è stato compiuto un importante sforzo per migliorare l’azione amministrativa a favore dei cittadini senza aumenti del prelievo fiscale, grazie anche al contrasto dell’evasione, eliminando gli sprechi e razionalizzando gli interventi per poter continuare a garantire l’erogazione dei servizi alla nostra comunità. Sono stati eliminati gli sprechi dei costi della politica e degli incarichi fiduciari (staff), ridotta l’indennità del sindaco, degli assessori e del presidente del Consiglio comunale. È stata, inoltre, ridotta la spesa per il personale, sono state azzerate le consulenze, ridotte le spese per incarichi vari. È stata eliminata la spesa per l’affitto di diversi locali ritenuti non indispensabili per l’Ente, è stata drasticamente ridotta la spesa per acquisti di beni e servizi come cancelleria e stampati, spese telefoniche e noleggio fotocopiatrici. Per questo ci saremmo aspettati maggiore onestà intellettuale da parte dell’assessore Falcone nel rappresentare la reale situazione del bilancio e della cassa del Comune, magari fornendo informazioni complete alla cittadinanza. Ad esempio, l’assessore Falcone avrebbe dovuto ricordare le condizioni del bilancio, del patto di stabilità e della cassa del Comune a maggio 2012, quando, al contrario dei 200 mila euro di saldo positivo che lo stesso assessore Falcone ha trovato a giugno 2017 nelle casse del Comune, l’Ente aveva uno scoperto di cassa pari a circa 2,6 milioni di euro. Inoltre i debiti fuori bilancio per 1,6 milioni di euro sono per la quasi totalità provenienti dalle attività delle amministrazioni che hanno governato la Città prima del 2012”.

 

“Probabilmente – conclude Gianluca Coletti – l’Assessore Falcone ha ancora in mente i risultati ottenuti dalla Cantina Sociale di Ortona sotto la sua presidenza dal 1998 al 2013, periodo nel quale, ad esempio, il debito della storica cantina ortonese è passato da 5,4 milioni di euro a 8,6 milioni di euro. Ma a differenza dei soci della Cantina sociale di Ortona, purtroppo, gli ortonesi non possono abbandonare la Città perché amministrati da persone non ritenute, a torto o a ragione, all’altezza del proprio compito. Come sempre siamo a disposizione per qualsiasi confronto pubblico, anche con l’assessore Falcone, su questo e su qualsiasi altro argomento che riguarda gli interessi della comunità ortonese”.