Capoluoghi >> CONTRASTARE GLI EFFETTI NEGATIVI DEL COVID

Editoriali

Guida TV

CONTRASTARE GLI EFFETTI NEGATIVI DEL COVID
CONTRASTARE GLI EFFETTI NEGATIVI DEL COVID

Teramo, 6 agosto 2020 -

Assemblea dei Sindaci per la costituzione di appositi tavoli di lavoro. Il Cope diventa società “in house” della Provincia. Il pensiero di tutti è corso alla Betafence, il polo produttivo di Tortoreto di proprietà di un Fondo multinazionale, il fondo Carlyle che, nonostante gli utili, ne ha annunciato la chiusura: 155 famiglie il cui futuro è diventato improvvisamente nero.  La vertenza è stata citata più volte in Consiglio provinciale, questa mattina, a testimonianza del fatto che l’emergenza COVID e le sue conseguenze economiche vanno affrontate con determinazione, strumenti adeguati e velocemente.

 

All’unanimità - dopo alcune modifiche proposte da Mauro Scarpantonio della lista “La Casa dei Comuni” -  è stato approvato un ordine del giorno introdotto dal Presidente e illustrato dal consigliere delegato, Lanfranco Cardinale.

L’atto di indirizzo prevede l’istituzione di una struttura tecnica a supporto dei Sindaci e delle parti sociali per individuare “obiettivi e progetti” in grado di contrastare gli effetti negativi del COVID.

 

“È in questa fase che a fare la differenza sarà la capacità i di mostrarsi compatti e propositivi, di viaggiare uniti verso riconoscibili obiettivi strategici. Il COVID 19, così come sta accadendo per altri aspetti della nostra vita – salute, modelli comportamentali e sociali, lavoro, formazione, trasporti – accelera processi e cambiamenti: chi non sarà in grado di affrontarli sviluppando una nuova progettualità rimarrà marginale con nuove e persistenti sacche di povertà e disagio” ha sottolineato il consigliere delegato Lanfranco Cardinale nel presentare la proposta.   In aula anche il segretario provinciale della Cgil, Giovanni Timoteo e Fabio Benintendi della Cisl in rappresentanza della triplice sindacale.

 

“I sindacati hanno compreso bene la nostra vulnerabilità – ha dichiarato il presidente Diego Di Bonaventura in apertura dei lavori – la vicenda Betafence non sarà l’ultima della serie.

 

Con l’iniziativa di oggi diamo il via ad un modello che ci auguriamo diventi una buona pratica: il coinvolgimento dei Sindaci, delle parti sociali, delle altre istituzioni per arrivare a definire obiettivi strategici: fare sintesi, superare le divisioni territoriali, utilizzare in maniera flessibile e veloce le risorse che abbiamo. La Provincia, con uno sguardo nuovo considerata la marginalità degli ultimi anni a causa di una scellerata riforma mai troppo avversata, ha deciso di costituire un gruppo di lavoro formato da esperti in progettazione e finanziamenti. Saranno a disposizione di chi, con noi, vuole impegnarsi a contrastare le conseguenze negative dell’emergenza sanitaria”.

 

Sono stati ripercorsi, dal consigliere Cardinale, i passaggi che hanno condotto alla determinazione di oggi: le riunioni con le parti sociali, a partire da quella del 28 aprile, fino all’Assemblea dei Sindaci del 13 maggio scorso e al confronto costruttivo con i Sindacati.   Sulla base del documento approvato dal Consiglio, il presidente Diego Di Bonaventura, sentiti i consiglieri, nei prossimi giorni nominerà la struttura tecnica composta da esperti di comprovata formazione e professionalità. A questi, in una logica di rete, dovrebbero affiancarsi altri saperi in maniera flessibile e sulla base delle specificità affrontate: Università, Asl, Istituto Zooprofilattico, Camera di Commercio, Diocesi di Teramo, Cope, Sindacati, Parti Sociali.

 

Domani, quindi, a partire dalle ore 10, alla Sala Polifunzionale, la Provincia ha convocato l’Assemblea dei Sindaci chiamata a costituire tavoli di lavoro “tematici”. L'obiettivo è quello di arrivare a definire obiettivi strategici e progetti caratterizzanti da mettere sul tavolo della contrattazione di Regione, Governo ed Europa.  “Fare ordine sulle priorità, superare le divisioni territoriali, fare velocemente” ha chiosato Di Bonaventura: “per non sprecare, come ha sottolineato il presidente della Repubblica Mattarella, i finanziamenti che arriveranno”.

 

 Nel corso della seduta sono stati deliberati, fra gli altri, due provvedimenti: l’atto di indirizzo per la trasformazione del Consorzio Punto Europa in  società “in house” della Provincia (all’unanimità) e il parere di conformità al Piano Territoriale Provinciale (con il voto contrario del vicepresidente Alessandro Recchiuti, assenti i consiglieri Beta Costantini e Luca Frangioni) della variante al PRG presentata dal Comune di Roseto degli Abruzzi per la realizzazione di un Centro di riuso a Fonte dell’Olmo.

 

Per quanto riguarda il Cope, il Consiglio ha preso atto di quanto deliberato dall’Assemblea dei soci (oltre alla Provincia l’Università di Teramo e il Comune capoluogo) il 13 maggio del 2019 circa l’opportunità di trasformare il Consorzio in una società in house cui affidare per via diretta servizi di interesse pubblico. Nelle prossime settimane spetterà ai dirigenti definire modalità e servizi da trasferire al Consorzio oggi diretto, in qualità di amministratore unico, da Filippo Lucci.

 

Il Consiglio, quindi, è stato chiamato a ratificare il parere tecnico del servizio Urbanistico e del COPIT circa la variante al PRG di Roseto per la realizzazione di un “Centro del riuso di determinate tipologie di rifiuti” in località Fonte Dell’Olmo. La relazione dei tecnici ha evidenziato la conformità della richiesta al Piano Territoriale Provinciale ma ha prescritto una serie di “compensazioni paesaggistico-ambientali.

 

Il Comune dovrà raddoppiare dal 15 al 30% lo spazio del verde pubblico all’interno dell’area oggetto della variante o nelle immediate vicinanze, dovrà indirizzare questo parametro verso interventi di “rinaturalizzazione” con vegetazione “con funzione di filtro/schermatura”. Le opere e i lavori di compensazione da realizzare dovranno essere inseriti nel progetto esecutivo del Centro.