Capoluoghi >> FILOPRATICA

Editoriali

Guida TV

FILOPRATICA
FILOPRATICA

Pescara, 22 settembre 2020 -

Percorrendo le vie del centro-città, coi rumori che ci sembrano ancora più molesti dopo il lock-down, si prova un senso di spaesamento e di confusione. Crediamo che mai come in questo momento, sentiamo il bisogno di un pensiero che ci aiuti a ricomporre i nostri vissuti, includendo anche la nostra fragilità, e che attivi in qualche modo, una qualche forma di resilienza.

 

Avevamo dimenticato di essere fragili in un mondo che ci chiede sempre più prestazioni, ci chiede di essere sempre più forti per vincere. Cosa? È tutto da scoprire (e forse non è neanche importante scoprirlo: importante è vincere).

Qualche volta ci accorgiamo di affogare e annaspiamo alla ricerca di un appiglio esteriore, inconsapevoli del fatto che possiamo trovarlo solo all'interno di noi. Su queste premesse si riaprono le attività de “Lo Spazio di Sophia” presso i locali della storica sede del dopolavoro ferroviario di Corso V. Emanuele 259. Ogni seconda domenica del mese ha luogo il Caffè filosofico nato sull'esempio dei Café philo di Parigi, dove chiunque può intervenire nel dibattito, magari gustando il suo caffè.

 

Varie iniziative tengono conto di interessi culturali quali il cinema, la letteratura, la musica e la scienza. Il sabato mattina ci si incontra per una sessione di meditazione. Insomma impariamo ad “essere” nella cura di noi stessi e degli altri e nella cura del nostro pianeta che, come ricorda Camus, se è vero che è stato ferito dall'uomo, è anche vero che senza l'uomo sarebbe solo desolazione.

 

Nota storica

Lo Spazio di Sophia è nato nel 2011 dal sogno di due donne; due insegnanti di filosofia e, per quanto riguarda lo stile “al femminile”, ha conservato la forma dell'accoglienza e una volontà di mantenere la spontaneità del dibattito, anche se, in accordo coi tempi, i problemi sono diventati più complessi.

 

Tino Di Cicco

Presidente de Lo Spazio di Sophia