Capoluoghi >> BASTA DISSERVIZI

Editoriali

Guida TV

BASTA DISSERVIZI
BASTA DISSERVIZI

San Giovanni Teatino, 14 ottobre 2020 -

Dopo l’ennesima chiusura imprevista della rete idrica, l’Amministrazione reclama maggiore tutela per la cittadinanza


“È assolutamente inaccettabile che l’acqua venga a mancare in orario mattutino, fin oltre le otto, senza il minimo preavviso, per giunta dopo che l’ACA spa aveva comunicato, tramite il proprio sito internet, l’annullamento della chiusura prevista per il 12 ottobre”.

 

Così il Sindaco del Comune di San Giovanni Teatino, Luciano Marinucci, scrive all’ACA spa, in una lettera firmata anche dal Vicesindaco Giorgio Di Clemente, delegato alla manutenzione della rete idrica.

“Questa mattina San Giovanni Teatino si è svegliata per l’ennesima volta senza acqua – prosegue il Sindaco – e l’intera popolazione scolastica e gli adulti lavoratori sono stati costretti a uscire di casa senza lavarsi. Come è ben noto, siamo in un periodo delicato di emergenza sanitaria dovuta alla pandemia da Covid-19.


Oltre alle normali necessità di igiene quotidiana, quindi, si aggiunge l’esigenza di portare i bambini a scuola in orario utile, soprattutto in un momento di allerta massima e di procedure controllate degli accessi negli istituti scolastici. Abbiamo sollecitato più volte all’ACA, in questi mesi, la necessità di ridurre il disagio per la popolazione, compatibilmente con l’emergenza idrica in atto, ma non possiamo accettare disservizi generalizzati che vadano a minare la serena quotidianità delle persone, in maniera improvvisa e impattante come è successo stamattina”.


“Sul nostro territorio sono diversi i guasti sulla rete idrica che abbiamo più e più volte segnalato – aggiunge il Vicesindaco Giorgio Di Clemente – ed esigiamo degli interventi tempestivi. Non è possibile programmare chiusure dovute all’emergenza idrica e poi lasciare che le tubature perdano acqua. Il nostro impegno è costante, ma abbiamo bisogno di risposte concrete da parte dell’ACA, che vadano oltre le comunicazioni formali”.