Capoluoghi >> LUCO FESTEGGIA

Editoriali

Guida TV

LUCO FESTEGGIA
LUCO FESTEGGIA

Luco dei Marsi, 6 marzo 2021 -

Una mattinata piena di sole ed emozione ha incorniciato ieri, 4 marzo la festa per i 100 anni di Domenico D'Ignazio, cui la sindaca Marivera De Rosa ha portato, insieme al vicesindaco e all'assessore in rappresentanza del Consiglio comunale, gli auguri e il grande abbraccio di tutta la Comunità. Il festeggiato, stretto nel calore dei suoi cari - le figlie Angela e Maria, il genero Agostino, i nipoti Tiziana e Sabrina, con i loro consorti Concezio e Bruno, Alessandro, Domenico e Lucia, i pronipoti Luca, Raul Ambra e Bruno - impeccabile e in splendida forma, ha aperto le porte della propria abitazione alla Delegazione cittadina, e ha spento le candeline del secolo di vita in un tripudio di fiori, tra la commozione dei presenti. 

"Dentro questo traguardo ragguardevole vi sono le tante prove difficili che hai superato, i sacrifici fatti per i tuoi cari, per offrire loro sicurezza e serenità, le tante conquiste guadagnate col sudore della fronte e l’impegno quotidiano, le meritate soddisfazioni raggiunte passo dopo passo.

 

I tuoi figli hanno avuto nel tuo esempio, nella tua capacità di fare, e fare bene, la loro prima e più importante scuola nella vita", ha detto la sindaca De Rosa rivolgendosi al festeggiato, di cui ha elogiato le qualità professionali e umane che, nel corso del tempo, "ne hanno caratterizzato la storia personale, contribuendo a costruire anche la nostra storia condivisa, di Comunità".

 

Il Decano dei nonni luchesi, rinomato muratore al tempo dell’impegno professionale, arriva a questo traguardo, già di per sé straordinario, in gran forma, attivo, autonomo e fresco di rinnovo di patente.

 

“La pandemia purtroppo non ci consente di festeggiare come avremmo voluto”, ha spiegato la Sindaca, consegnando a Domenico, con un omaggio floreale, una pergamena e una targa, “Ma è una celebrazione ancora più preziosa, se possibile, proprio per tutto quello che rappresenta in questo tempo difficile. Tanti auguri!”.

 

L'opinione di Giustino Zulli

I sapori dalle nostre tavole