AbruzzoEmotions >> RESPIRARE LADYHAWKE

Editoriali

Guida TV

RESPIRARE LADYHAWKE
RESPIRARE LADYHAWKE

Calascio, 21 settembre 2019 -

Cari lettori, è passato un po’ di tempo dal mio ultimo articolo e ho tante cose da raccontarvi! Siete pronti per immergervi in una mia nuova "Emozione Abruzzese"? Bene! Giovedì scorso ero sui miei appunti che studiavo senza sosta per un esame, quando mia madre a sorpresa mi propone una boccata d'aria: "Che dici se ci andiamo a fare un giro? Ti farebbe bene!"

Dopo due secondi mi aveva già convinta a partire con lei. Dovevo staccare, riossigenarmi. e quale posto migliore delle nostre montagne per una boccata d'aria? Abitiamo a meno di 10 minuti dal mare, ma il bello di vivere in Abruzzo è che in un’ora di macchina puoi spostarti dal mare fino all'alta Montagna! Così nel primo pomeriggio siamo partite. Dopo una prima visita a Castelvecchio Calvisio e a Calascio, due classici paesini abruzzesi, siamo salite verso il borgo medievale di Rocca Calascio. Non vi nego che la salita fino al parcheggio appena fuori dal borgo è un po’ come fare rally, ma se siete amanti del brivido è il posto giusto per voi.


Attraversato il borgo medievale, tra varie rievocazioni e profumo di arrosticini che arrivava dalle locande iniziamo la "scalata" verso il castello. La luce stava già cambiando, salivo e di fronte avevo il Corno Grande dalle rocce color arancio. Siamo arrivate su giusto in tempo per salutare il sole, che scompariva tra le cime, all’orizzonte. Eravamo a circa 2000 mt. di altitudine, immaginate che panorama mozzafiato da lì su. Il cielo, che s'era fatto di fuoco, pian piano si spegneva e sul castello calava un'atmosfera magica, in un attimo sembrava essere state catapultate in uno dei tanti film fantasy! Allo spuntar della luna ci siamo rincamminate con lo sguardo sempre rivolto al castello, per assaporare fino alla fine quell'atmosfera incredibile, molto più vicina alle favole che alla realtà.


Eugenia Casamassima