AbruzzoEmotions >> L'ANIMA DEI BOSCHI

Editoriali

Guida TV

L'ANIMA DEI BOSCHI
L'ANIMA DEI BOSCHI

Abruzzo, 8 novembre 2020 -

Cari lettori, è sempre bello cercare di trasmettervi le emozioni che questa regione riesce a regalarmi durante ogni uscita, anche se certe volte è così difficile tradurre in parole certe sensazioni, descrivere certi paesaggi, certe situazioni ... come questa volta ad esempio.

 

Ero con degli amici sulla strada che sale verso la Majelletta, diretta verso il rifugio "Bruno Pomilio" per un’escursione, il cielo era coperto e piovigginava. Guardavo fuori dal finestrino, cercavo i colori caldi dell'autunno nonostante il grigiore, ma mi rendevo conto che man mano che si saliva la nebbia prendeva il posto della pioggia, iniziava a farsi sempre più fitta e la visibilità sempre più ridotta.

Ci siamo ritrovati nella faggeta in un’atmosfera mistica, quasi surreale. Gli alberi avvolti da quel soffice manto e da un silenzio assordante, erano come sospesi nel tempo, come se non avessero una precisa collocazione nello spazio. Le loro forme si semplificavano in maniera estrema, apparivano quasi stilizzati e il rosso delle foglie reso ancora più vivo dal velo d'umidità.


Era come se quella nebbia disorientante fosse invece una guida e mettesse in evidenza solo l'essenziale e ciò che a prima vista poteva sembrare addormentato era invece sorprendentemente vivo, io stessa mi sentivo così.

 

Di sicuro uno degli scenari più belli e incredibili mai visti finora in montagna.  Ho capito che la cosa che più mi affascina è proprio questo continuo mutare della natura, che immersa nelle varie condizioni atmosferiche può trasformarsi completamente da un momento all'altro e regalare paesaggi mozzafiato.


Eugenia Casamassima