ambiente >> Ambiente

Editoriali

Guida TV

EMERGENZA CLIMATICA ED AMBIENTALE

EMERGENZA CLIMATICA ED AMBIENTALE

Guardiagrele, 18 settembre 2019 - Il gruppo consiliare del Partito Democratico a Guardiagrele, presenta una mozione contenente una proposta di delibera per chiedere la Dichiarazione dell’Emergenza Climatica ed Ambientale. I due consiglieri comunali Inka ZULLI e Nevio SALOMONE affermano: “Zero cambiamenti non è più un’opzione possibile! L’obiettivo è quello di portare in Consiglio Comunale un impegno di tutti a limitare, e ove possibile ridurre, le emissioni climalteranti che stanno determinando danni irreparabili non solo economici, a persone, animali, interi territori e sistemi produttivi.”

 

A SAN GABRIELE IN BICI

A SAN GABRIELE IN BICI

Casoli, 18 settembre 2019 - Ogni anno il Presidente, Domenico Belfatto, inserisce questa tappa per gli amatori della squadra sponsorizzata dalla “Belfatto lab” di Casoli. Il Santuario di San Gabriele (Isola del Gran Sasso) è diventata una delle tappe più attese per chi prende sul serio il ciclismo su strada. Il percorso attraversa le tre province abruzzesi (Chieti, Pescara e Teramo) e si caratterizza da salite collinari, pianure della costa e dagli “strappi” finali del 15% con diversi paesaggi e difficoltà.

 

BRACCONAGGIO NEL PARCO

BRACCONAGGIO NEL PARCO

Assergi, 17 settembre 2019 - Sorpreso in flagranza di reato mentre era intento nella cattura di gamberi di fiume sul Tordino, un uomo è stato deferito all’Autorità Giudiziaria e sanzionato amministrativamente dai Carabinieri Forestali del “Parco”. L’episodio è avvenuto in località “Fiume” del Comune di Rocca Santa Maria all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Al momento del controllo da parte dei militari della sorveglianza, l’uomo aveva già catturato ben 28 esemplari di gambero di fiume - Astropotamobius pallipes.  Riposti all’interno di un secchio parzialmente riempito d’acqua, gli animali erano ancora vivi e, pertanto, in considerazione della vulnerabilità e pericolo di estinzione della specie, i Carabinieri Forestali intervenuti hanno provveduto all’immediato rilascio dei gamberi di fiume nel loro habitat.

“La condotta tenuta dall’uomo, denunciato per cattura di fauna selvatica in area protetta ai sensi della L. 6 dicembre 1991, n. 394 (Legge quadro Aree protette) e del D.P.R. 5/06/1995 (Misure di salvaguardia del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga),” dichiara il Presidente del Parco Avv. Tommaso Navarra,  “assume maggiore gravità in quanto posta in essere ai danni di una specie minacciata ed in pericolo di estinzione tanto da essere tutelata da normative comunitarie - Direttiva 92/43/CEE “Habitat” - Conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatiche, in cui la specie è definita “specie ad elevata priorità di conservazione”, inclusa negli allegati II e V, con relativo Regolamento di attuazione - DPR 8 settembre 1997, n. 357”.

La specie è inoltre tutelata anche dalla LR. Abruzzo 7 settembre 1993, n. 50 – Primi Interventi per la difesa della biodiversità nella Regione Abruzzo: tutela della fauna cosiddetta minore e quindi, anche al di fuori delle aree protette, la pesca del gambero di fiume è vietata su tutto il territorio regionale. L’importanza della specie è tale da essere sostenuta da diversi progetti Life e, nel caso in argomento, dal Progetto Life CRAINat - Conservazione e recupero delle popolazioni di Austropotamobius nei siti Natura 2000 di cui il Parco è stato partner e ha collaborato con diverse azioni.

“Un ringraziamento particolare - conclude il Presidente Navarra - non può che andare ai Carabinieri Forestali del Parco e alla Stazione di Rocca Santa Maria che hanno operato con estrema professionalità e fondamentale intuito investigativo sventando un danno significativo al patrimonio di biodiversità della nostra comunità identitaria”.

 

PER PULIRE LA CITTÀ

PER PULIRE LA CITTÀ

Teramo, 17 settembre 2019 - Sabato 21 settembre l’Associazione Rifiuti Zero Abruzzo parteciperà alla 27ma edizione di Puliamo il Mondo, l’appuntamento italiano di “Clean Up the World”, il più grande evento di volontariato ambientale a livello mondiale nato con lo scopo di liberare dai rifiuti parchi, giardini, strade, piazze, fiumi e spiagge di molte città del mondo con la partecipazione della cittadinanza e promuovere una nuova attenzione al territorio e all’ambiente. Insieme alla Presidente Luciana Del Grande, gli associati si troveranno sabato mattina 21 settembre alle ore 9,00 al Parco Fluviale Vezzola-Tordino per unirsi agli attivisti di Legambiente Teramo, 

 

SILVIA CORNELIO PRESIDENTE

SILVIA CORNELIO PRESIDENTE

Pescara, 17 settembre 2019 - Le Guardie Ecologiche Ambientali Volontarie (GEAV), con comando nazionale nello strategico Comune di Tocco da Casauria,  in Provincia di Pescara, nel punto dove il Gran Sasso e la Maiella quasi si toccano, hanno rinnovato in questi giorni i loro vertici della Provincia di Pescara nell’ambito della politica di rinnovamento e di potenziamento dell'associazione tesa a una attività di salvaguardia ecologica, ambientale, zoofila, venatoria, di protezione civile e di  supporto alle istituzioni, anche vigilando e rilevando le infrazioni commesse ai danni del territorio, documentandole e segnalandole alla pubblica autorità che poi dovrà intervenire.

 

COVERING CLIMATE NOW

COVERING CLIMATE NOW

Il magazine i404.it aderisce al progetto Covering Climate Now in vista del Summit per il clima dell’Onu e del terzo sciopero globale per il clima. I media nazionali e internazionali parlano sempre troppo poco di ecologia, cambiamenti climatici e crisi climatica. Nonostante le evidenze scientifiche e i movimenti di protesta, a partire dai Fridays for future di Greta Thunberg, ci invitino a riflettere sull'importanza di comunicare quello che sta accadendo sul nostro pianeta. Il prossimo lunedì 23 settembre New York ospita il Summit per il clima dell’Onu.

 

LA RISERVA E IL SANTO

LA RISERVA E IL SANTO

Roseto degli Abruzzi, 16 settembre 2019 - Lo scorso 15 settembre si è tenuta l’ennesima iniziativa all’interno della Riserva Borsacchio a Roseto. Una formula innovativa che ha coniugato una escursione naturalistica lungo gli antichi percorsi verso la storica Fontana Dell’Accolle con uno spettacolo teatrale scritto, ideato e sceneggiato proprio in quella fonte antica. Un connubio di scoperta e divulgazione di storia locale attraverso visite guidate e teatro dialettale. 

 

GRAZIE AI GIOVANI

GRAZIE AI GIOVANI

Roseto degli Abruzzi, 15 settembre 2019 -

Ieri mattina tantissimi giovani partecipanti all'evento per pulire dai rifiuti gli antichi percorsi verso la Montepagano e la splendida Fontana d'Accolle. Purtroppo quei percorsi sono preda di vandali che usano fossi e zone nascoste per sversare interi camion di rifiuti. Da anni come volontari andiamo a pulire sentieri e piazzale, sostituiamo buste e svuotiamo cestini. Purtroppo dopo ogni pulizia nel giro di pochi mesi la situazione torna tal quale.

 

Per sensibilizzare e coinvolgere attivamente i giovani nel rispetto dell'ambiente abbiamo lanciato un appello. L'istituto Moretti di Roseto ha risposto organizzando pullman e classi che si sono presentati per dare una mano.

 

IN RIPRESA LA STAGIONE DEI FUNGHI

IN RIPRESA LA STAGIONE DEI FUNGHI

Abruzzo, 13 settembre 2019 - Nonostante i primi segnali negativi con un inizio un “lento” segnato dalla siccità estiva, in Abruzzo il 2019 verrà ricordato per l’improvviso boom della raccolta dei funghi settembrini. Le ultime piogge hanno infatti creato le condizioni favorevoli alla crescita delle varietà più pregiate per le quali si preannuncia una buona stagione mentre al nord Italia si parla addirittura di una annata record.

È quanto emerge dal monitoraggio di Coldiretti sulla vendemmia dei porcini 2019 con le regioni del Sud dove, al contrario di quelle del Nord, la caccia a porcini, chiodini, finferli e altre varietà non è ancora entrata nel vivo per carenze di pioggia.

“In Abruzzo – dice Coldiretti Abruzzo – rispetto ai primi mesi estivi, la stagione sta subendo una decisa inversione di tendenza. Mentre nei mesi di luglio e di agosto, a causa della grande siccità, si era registrato un calo del 50-60% di funghi di bosco (principalmente Russole e Porcini), l’arrivo delle prime piogge e dei temporali di fine state stanno dando una boccata di ossigeno alle varietà più diffuse con una possibile ripresa della produzione. Possiamo sperare in un boom di funghi settembrini anche se, per fare un bilancio, è ancora presto. Ricordiamo che la nascita, per essere rigogliosa, richiede come condizioni ottimali terreni umidi senza piogge torrenziali, una buona dose di sole e 18-20 gradi di temperatura all’interno del bosco”.

L’attività di ricerca dei funghi – continua la Coldiretti – non ha solo una natura hobbistica che coinvolge moltissimi vacanzieri e svolge anche una funzione economica a sostegno delle aree interne boschive dove rappresenta un’importante integrazione di reddito per migliaia di “professionisti” impegnati a rifornire negozi e ristoranti di prodotti tipici locali, con effetti positivi sugli afflussi turistici. È necessario tuttavia evitare le improvvisazioni e seguire alcune importanti regole che – sottolinea la Coldiretti – vanno dal rispetto di norme e vincoli specifici presenti nei diversi territori, alla raccolta solo di funghi di cui si sia sicuri e non fidarsi assolutamente dei detti e dei luoghi comuni, ma anche rivolgersi sempre, in caso di incertezza, per controlli ai Comuni o alle Unioni micologiche e utilizzare cestini di vimini ed evitare le buste di plastica.

“E per i meno avventurosi – dice Coldiretti - il consiglio è quello di recarsi nei mercati di Campagna Amica dove molto spesso è possibile acquistare anche funghi coltivati. La buona stagione è infatti una opportunità anche per buongustai che preferiscono cercarli sugli scaffali. In questo caso la Coldiretti invita a verificare l’indicazione il luogo di raccolta o coltivazione, dell’origine in etichetta o su appositi cartellini che deve essere riportato obbligatoriamente. Le indicazioni obbligatorie devono essere presenti sui documenti che accompagnano il prodotto in tutte le fasi della commercializzazione e che l’indicazione del Paese di origine è sempre obbligatoria per tutti i prodotti ortofrutticoli freschi, anche se esentati dal rispetto della norma di commercializzazione generale, come tartufi e funghi spontanei.

Una garanzia – continua la Coldiretti per sapere se i pregiati frutti del bosco sono stati raccolti nella Penisola o se sono arrivati in Italia da Paesi lontani con minore freschezza e garanzie di qualità e sicurezza alimentare. I funghi sono ricchi di proteine e fibre, poco calorici, poveri di sodio e ricchi di potassio e in Italia durante l’anno – conclude Coldiretti - se ne consuma in media circa un chilo a testa.

IL DECALOGO DI COLDIRETTI PER IL “CACCIATORE” DI FUNGHI”

- Documentarsi sull’itinerario e scegliere i percorsi adatti alle proprie condizioni fisiche

- Comunicare a qualcuno il proprio tragitto evitando le escursioni in solitaria

- Attenzione ai sentieri nel bosco che possono diventare scivolosi a causa della pioggia

- Consultare i bollettini meteo e stare attenti al cambio del tempo

- In caso di rischio fulmini non fermarsi vicino ad alberi, pietre e oggetti acuminati

- Usare scarpe e vestiti adatti con scorte di acqua e cibo.

- Non raccogliere funghi sconosciuti

- Verificare i limiti alla raccolta di funghi con i servizi micologici territoriali

- Pulire subito il fungo da rami, foglie e terriccio

- Per il trasporto meglio usare contenitori rigidi e areati che proteggono il fungo

Fonte: Elaborazione ColdirettiFoto il trapper 

 

L’IZS E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

L’IZS E LA SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE

Teramo, 13 settembre 2019 - A due mesi dall’istallazione dei dispositivi della Dukic Day Dream su tre autovetture aziendali. Tutelare l’ambiente a tutti i livelli è oggi una pratica quotidiana improrogabile. L’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise, da sempre attento alla sostenibilità ambientale, negli ultimi anni ha fortemente incentivato processi che vanno oltre la sfera professionale.