ambiente >> Ambiente >> AMBASCIATORI NEL MONDO

Editoriali

Guida TV

AMBASCIATORI NEL MONDO
AMBASCIATORI NEL MONDO

Assergi, 5 marzo 2021 -

Su proposta del presidente nominato ambasciatore nel mondo del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga il dr. Fernando Di Fabrizio, presidente della Coop Cogecstre di Penne specializzata nel settore ambientale per la gestione di aree naturali protette e i progetti per la conservazione della flora e della fauna a rischio.

 

Nomina dovuta e di non formale riconoscimento” dichiara il Presidente del Parco Avv. Tommaso Navarra, “per un impegno ultratrentennale a tutela dell’ambiente quale valore identitario essenziale del nostro straordinario territorio. 

Impegno concreto che ha saputo coniugare conservazione, tradizioni e lavoro nonché capacità gestionale di una splendida riserva e di una corona di Cooperative che insegnano come si possa fare sviluppo ecosostenibile”.

 

La Cooperativa, con alla guida Fernando Di Fabrizio, ha impiantato una straordinaria “biodiversità” di attività economiche ecocompatibili nel settore agricolo, artigianale e turistico oltre a offrire innovativi servizi nell'ambito del turismo naturalistico, dell'educazione ambientale, della formazione professionale, della progettazione e pianificazione ambientale. Per comprendere quanto concretamente operato dal nuovo ambasciatore del Parco si riporta di seguito lo stralcio del curriculum professionale del medesimo:

 

Fernando Di Fabrizio, nato a Penne nel 1958, è presidente di COGECSTRE la cooperativa ambientale costituita nel 1980, per la gestione di centri sportivi e turistici e per la ricerca ecologica.


Dal 1987 la cooperativa, grazie a lui, si è specializzata nel settore ambientale per la gestione di aree naturali protette e la redazione di progetti per la conservazione della flora e della fauna a rischio. Parallelamente alla gestione delle aree naturali protette, la Cogecstre ha sviluppato una serie di attività economiche compatibili con la tutela ambientale, nel settore agricolo, artigianale, turistico e nei servizi. Alla produzione si affiancano una serie di servizi nell'ambito del turismo naturalistico, dell'educazione ambientale, della formazione professionale, della progettazione e pianificazione ambientale.


Nel 1987 la profonda e comprovata conoscenza del territorio ha portato Cogecstre ad acquisire la gestione dell'Oasi naturale del Lago di Penne e Di Fabrizio è diventato direttore della Riserva Naturale Regionale Lago di Penne, dove ha promosso, in qualità di Coordinatore, il primo Corso di formazione e aggiornamento per gestori di aree protette-CEA “Antonio Bellini” e il LAPISS, il laboratorio Italiano per lo Sviluppo Sostenibile-Laboratorio Aree Protette Italiane e Sviluppo Sostenibile in collaborazione con Museo Civico di Zoologia di Roma, Regione Abruzzo, Provincia di Pescara, Comune di Penne, Federparchi, Lipu, Riserva Naturale Regionale Lago di Penne, COGECSTRE.


La cooperativa ha avviato il sistema delle aree naturali regionali abruzzesi attraverso la gestione integrata, per vari anni, di numerose riserve della Regione Abruzzo (Lago di Penne, Lago di Serranella, Maiella Orientale, Abetina di Rosello, Castel Cerreto, Valle dell'Orta, Parco territoriale dell'Annunziata) e da tempo collabora con numerose aree protette in tutta Italia ed in alcune località europee.


La Cogecstre è specializzata nell'editoria per la natura e produce volumi scientifici e naturalistici, depliant, opuscoli, poster ed altro materiale divulgativo. Tutte le iniziative promosse da Cogecstre Edizioni puntano alla crescita di una coscienza ambientalista da parte dei lettori e alla valorizzazione del sistema nazionale delle aree protette, con particolare riguardo al centro Appennino. In quest'ottica è nata, nel 1991, la rivista De Rerum Natura, periodico di informazione e cultura dell'ambiente di cui Di Fabrizio è direttore responsabile.


Di Fabrizio si è specializzato nella gestione di ambienti naturali e progetti di sviluppo responsabile. Ha contribuito alla costituzione di numerose cooperative ed è presidente di Legacoop, Alleanza delle Cooperative Italiane in Abruzzo e di Terre dell’Oasi, la cooperativa che distribuisce in Italia i prodotti agricoli biologici delle oasi WWF Italia.

Alpinista e accompagnatore di media montagna, ha partecipato ad alcune spedizioni in Asia. Ha pubblicato numerosi libri ed ha curato decine di mostre fotografiche e centinaia di conferenze pubbliche sulla natura, sulle montagne e sulla green economy.


Da alcuni anni produce documentari sul tema della montagna e della tutela dell’ambiente. Nel 2006 il suo primo lavoro sul misterioso ed elusivo Gambero di fiume. Nel 2007 è vincitore del primo premio al Festival Internazionale del Cinema Naturalistico di Teramo, con il documentario “Il custode dei boschi”. Nel 2010 ha ricevuto un Premio speciale “Istituto G. Caporale e Vier Pfoten International” per il cortometraggio “La biodiversità del Parco del Gran Sasso e Monti della Laga”.


Ha realizzato il “Paesaggio dell’Anima” nel 2011 una denuncia sul consumo di suolo nella nostra penisola. Con il documentario “La camicia rossa sulla parete Nord del Monte Camicia” racconta la storia alpinistica inedita del Monte Camicia e nel 2013 con la “Pietra di Confine, un viaggio nella terra vestina”, propone un modello di turismo armonico con la natura in bicicletta.


Nel 2020, a seguito dello storico avvistamento dell’orso marsicano che ha definitivamente confermato la presenza stanziale, all’interno del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, di questa magnifica specie, ha curato in collaborazione con il parco la redazione dell’inserto speciale di DE RERUM NATURA edizioni Cogecstre dal titolo “Una nuova stella sul Gran Sasso d’Italia”, interamente dedicato a questo importante evento.

 

L'opinione di Giustino Zulli

I sapori dalle nostre tavole