Archivio appuntamenti >> UN PUGILE SUONATO

Editoriali

Guida TV

UN PUGILE SUONATO
UN PUGILE SUONATO

Chieti, 7 settembre 2019 -

Sono davvero molto grato al professor Luciano Canfora che nel corso della trasmissione In Onda su La7 condotta dai giornalisti David Parenzo e Luca Telese, mi ha aiutato a trovare la giusta definizione per una pietosa esibizione del caporal minore Fanfaron de' Fanfaronis, al secolo Matteo Salvini, capo dei Fascioladronileghisti.

 

Primo ospite della trasmissione, l'uomo che tutto il mondo ci invidia(va) si è prodotto in una performance che giudico veramente pietosa: le solite trite esternazioni, mancate risposte a precise domande dei due conduttori.

“Dove vai? Chiedeva Parenzo. “Porto pesci” rispondeva Fanfaron.

“Cosa porti”? Chiedeva Telese. “Vado a Roma” rispondeva il Nostro.

“Risponde al vero che ha offerto a Di Maio la Presidenza del Consiglio pur di tornare al Governo”? chiedeva Telese. “Non so come faranno a governare questi poltronari” (Fanfaron).

“Ma se ha questi giudizi, perché voleva rifare il governo con loro”? Chiedeva Parenzo. Molti balbettamenti nella confusa risposta che nulla c'entrava con la domanda.

 

Mi sono chiesto: ma come ha fatto questo personaggio tutto sommato molto modesto, politicamente parlando, a riscuotere tanto successo?

Come mai tanti italiani, compresi molti meridionali presi a pesci in faccia per anni, si sono fatti imbambolare?

E come mai non risponde a precise domande, Lui che è un fiume in piena durante le deliranti dirette Facebook peraltro senza contraddittorio?

 

Finito il collegamento con il Grande Statista meneghino, sono entrati in trasmissione il giornalista Giovanni Floris ed il prof. Luciano Canfora. Tutta un'altra musica. Domande precise, risposte - con le quali si può essere d'accordo o meno - puntuali e nel merito. Ad un certo punto, Telese ha chiesto al prof. Canfora una valutazione sulla performance di chi, fino ad alcune settimane fa, è stato ritenuto “il padrone politico dell'Italia.

 

“È stato prolisso, confuso e sconclusionato. Mi è sembrato un pugile suonato”.


Con questa autentica stilettata, uno di quelli sprezzantemente da lui definiti professorone, ha sferrato un uppercut a Fanfaron, stendendolo. Ovviamente, metaforicamente. Ho subito fatto mia la fulminante definizione del prof. Canfora. Effettivamente, il capo della lega ladrona, ha dimostrato davvero di essere un pugile suonato.

 

Giustino Zulli