Archivio da "Lettera a..." >> ZULLI CHIAMATO IN CAUSA

Editoriali

Guida TV

ZULLI CHIAMATO IN CAUSA
ZULLI CHIAMATO IN CAUSA

Chieti, 21 novembre 2020 -

Spett.le Redazione de il Centro, Signor Direttore Anchino,

 

sabato 14 novembre 2020, a pagina n. 18 Cronaca di Chieti, alla fine di un lungo articolo pubblicato con il titolo "Aceto: disoccupati nello staff del Sindaco" firmato da a. i., mi si chiama in causa con il seguente virgolettato che trascrivo:


..."È chiaro, conclude il consigliere comunale della Lega, "che il progetto politico di questa maggioranza è già fallito sul nascere, visto che le accuse giungono dalla loro stessa parte politica nella persona di Giustino Zulli" ...

Ritenendo false e strumentali queste affermazioni del consigliere comunale Liberato Aceto, che mi ha attribuito affermazioni da me mai fatte, amichevolmente ho chiesto la pubblicazione della mia seguente brevissima nota che, ad oggi, non si è ritenuto di dover pubblicare e che trascrivo nuovamente:


"Vorrei rassicurare il Consigliere comunale leghista (ex Dc, ex Consigliere regionale di centrosinistra, ex Forza Italia) Liberato Aceto che un singolo fatto non condiviso non può, onestamente, autorizzare nessuno a parlare, anche in mio nome, di "fallimento di un progetto politico" appena agli inizi.


Di avvenimenti quali quelli da me criticati, le destre ne hanno fatto ben altri e non è da quel pulpito che può venire la predica, tentando strumentalmente di mettere in discussione la mia enorme soddisfazione per aver contribuito, insieme a tutti gli iscritti, militanti, elettori e dirigenti di "Articolo Uno", ad impedire alle destre di poter continuare a massacrare la nostra bella ma maltrattata  Città, come ha fatto in modo particolare nel corso degli ultimi 10 anni, durante i quali Liberato Aceto ha avuto responsabilità di rilievo".


Giustino Zulli Coordinatore cittadino di Articolo Uno


Alla luce di quanto previsto dall'articolo n. 8 della Legge 8 febbraio 1948, n. 47, chiedo la pubblicazione, ENTRO I PROSSIMI CINQUE GIORNI, di questa mia nota avvertendo che procederò ulteriormente in caso di sua mancata pubblicazione.

 

Giustino Zulli Coordinatore cittadino di Articolo Uno



 

SI RIPORTA LA REPLICA CENSURATA

 

Sabato 14 u.s., il quotidiano "il Centro" ha pubblicato, a pag. 18, un’ampia intervista all'ex Presidente del Consiglio comunale Liberato Aceto con la quale, a mio parere strumentalmente, mi si chiama in causa come presunto sostenitore della sua tesi sul “fallimento del progetto politico" dell'attuale Giunta Ferrara-De Cesare.

 

Ho scritto la nota che segue al quotidiano che, ovviamente, non l'ha pubblicata. La pubblico dopo ben quattro giorni di inutile attesa, anche per segnalare il disinvolto uso che la stampa locale fa del concetto di "libertà di stampa". Sarebbe stato mio diritto poter replicare. Non è andata così e me ne farò una ragione.

 

"Vorrei rassicurare il Consigliere comunale leghista (ex Dc, ex Consigliere regionale di centrosinistra, ex Forza Italia) Liberato Aceto che un singolo fatto non condiviso non può, onestamente, autorizzare nessuno a parlare, anche in mio nome, di "fallimento di un progetto politico" appena agli inizi.

 

Di avvenimenti quali quelli da me criticati, le destre ne hanno fatto ben altri e non è da quel pulpito che può venire la predica, tentando strumentalmente di mettere in  discussione la mia enorme soddisfazione per aver contribuito, insieme a tutti gli iscritti, militanti, elettori e dirigenti di "Articolo uno", ad impedire alle destre di poter continuare a massacrare la nostra bella  ma maltrattata città, come ha fatto in modo particolare nel corso  degli ultimi 10 anni, durante i quali Liberato Aceto ha avuto responsabilità di rilievo".

 

Giustino Zulli Coordinatore cittadino di Articolo Uno