Archivio da "Lettera a..." >> QUESTIONE DI STILE …

Editoriali

Guida TV

QUESTIONE DI STILE …
QUESTIONE DI STILE …

Montorio al Vomano, 13 marzo 2021 - di Andrea Guizzetti, Consigliere comunale di Montorio Guarda Avanti

 

Non nascondo di essere meravigliato! Infatti, dopo tre anni di assoluto silenzio nel quale non ha mai fatto un intervento in Consiglio Comunale e non ha mai avanzato uno straccio di proposta per il bene della nostra comunità il Vicesindaco, vecchio e nuovo, Raniero Barnabei si è letteralmente scatenato in comunicazioni aggressive, piene di livore e francamente molto, ma molto sopra le righe…tanto da aver lasciato stupiti molti montoriesi!

Parole che non sono da lui, tanto da far sorgere un dubbio: o certe cose non le scrive lui (si riconosce infatti lo zampino di una persona…un po' più in alto di lui nelle gerarchie comunali) oppure ha decisamente perso la bussola!

 

In ogni caso devo ammettere che da lui MAI E POI MAI mi sarei atteso un simile comportamento. Nell’Amministrazione Facciolini, seppur da opposte sponde, avevo avuto sempre un rapporto costruttivo con il Vicesindaco Barnanei al quale, più volte, avevo riconosciuto, anche pubblicamente, la grande dote della concretezza, seppur nelle pochissime cose fatte dalla peggior Amministrazione della nostra storia. Ora invece, preso forse dal “delirio d’onnipotenza” del recente consenso elettorale, pensa di essere “onnipotente”, un mammasantissima che può dire e fare ciò che vuole, acclamato dalla sua claque (tutta virtuale) di fedelissimi “leoni da tastiera” pronti a offendere e dileggiare trincerati dietro ai social!

 

Chiarito ciò ci tengo a rassicurarlo per quanto concerne il futuro del nostro territorio. Infatti, grazie al costante lavoro di programmazione portato avanti dalla Giunta Di Centa, nella quale ero Vicesindaco delegato ai lavori pubblici e alla ricostruzione, sono numerose le risorse ed altrettanti i progetti presentati e vinti. Basta consultare gli atti e leggere le carte. Opere realizzate grazie al lavoro di squadra di un gruppo che all’IO ha sempre preferito il NOI, frutto di un lavoro che in questi anni inizia a dare i suoi frutti. Un esempio per tutti?

 

La scuola per l’infanzia messa a nuovo, antisismica, in via G. Leopardi. Lui ad oggi invece, al netto delle chiacchiere, cosa ha realizzato per questa comunità?

 

Per amministrare ci vuole programmazione, anche a lungo termine, anche per questo noi abbiamo presentato tanti progetti, molti dei quali sono stati finanziati! Non sono chiacchiere, basta documentarsi e leggere gli atti comunali, ne cito alcuni: Rsa, polo scolastico, centro disabili di Collevecchio, nuova scuola a Leognano, recupero scuola di Cusciano, completamento Chiostro degli Zoccolanti, ristrutturazione Pascal, ristrutturazione Circolo Anziani, nuova sede Circolo Anziani in MADI, riqualificazione campo sportivo Pigliacelli, ristrutturazione edifici di edilizia residenziale pubblica, bonifica discarica Altavilla, progetti contro il dissesto idrogeologico e tanti altri che richiedono tempo per la realizzazione, ma che scrivono un futuro migliore per il paese e per le nuove generazioni.

 

Certo, la programmazione non porta consenso elettorale a breve termine come invece la politica dei “piccoli piaceri” immediati, ma che dire…c’è chi guarda ai consensi e chi al futuro della propria comunità e anche dall’opposizione non posso che essere orgoglioso di vedere realizzare i progetti che abbiamo presentato…anche se qualcun altro tenta di accaparrarsene i meriti!

 

Tornando al “rampante” Barnabei, a cui la Madonnina ha fatto il miracolo di restituire la voce dopo anni di silenzio…a tratti imbarazzante: lui che progetti ha presentato?

 

Cosa ha realizzato per Montorio tranne la piccola manutenzione?

 

Lui, che negli ultimi anni, è stato il “deus ex machina” di Montorio con pieni poteri e risorse ingenti che visione di futuro ha disegnato per la nostra comunità? Al momento, tranne l’ordinaria amministrazione e diversi “affidamenti spacchettati”, sottosoglia, non si ricorda molto dell’operato di questo recordman di consensi elettorali!

 

Nel frattempo che il Vicesindaco Barnabei ci riflette e inizia a stilare la corposa lista delle grandi opere che ha programmato o realizzato per Montorio mi permetto di ricordargli una cosa: con me serve a poco alzare la voce e urlare, sa bene che ho sempre avuto la schiena dritta e l’onestà di confrontarmi sui temi, non temo né lui né la sua claque di “leoni da tastiera”, vivo del mio lavoro e non accetterò mai che qualcuno pensi anche solo di intimorirmi.

 

Piuttosto presti grande attenzione al suo operato perché non vorrei che facesse la fine di Icaro che, credendosi onnipotente, cadde vittima della sua stessa tracotanza!

 

L'opinione di Giustino Zulli

I sapori dalle nostre tavole