Archivio notizie in evidenza

Editoriali

Curioso e bizzarro

Guida TV

UNA PECORA PER FARINDOLA PDF Stampa E-mail
UNA PECORA PER FARINDOLA

Continua la raccolta in aiuto all’Azienda Agricola Martinelli di Farindola che nel terremoto e maltempo dello scorso gennaio ha perso 259 capi di pecore lacaune in lattazione e 170 agnelli con il crollo delle stalle avvenuto all’alba del 18 gennaio 2017, lo stesso giorno in cui il paese di Farindola e l’intera comunità abruzzese aveva perso 29 vite nella tragedia del Gran Sasso Resort, Hotel Rigopiano.

Le donazioni sono arrivate da tutto Abruzzo, dai bambini del Comune Scuola di Via Bosio Chieti Scalo, da un gruppo ultrà Young Boys di Berna. La Scuola primaria di Via Bosio ha scritto un pensiero per Pietropaolo Martinelli e ha ricevuto in dono una caciotta di pecorino con un affettuoso ringraziamento ed invito come ospiti presso l’azienda agricola.

Attraverso Facebook, l’Associazione Riprendi il volo L’Aquila che ha proposto il progetto insieme a Francesco Cinapri è stata contattata da una musicista di origini cinesi Dejing Tu che ha organizzato al Palazzo Costa Carrù di Torino un Festival di Musica da camera, che si terrà il 27-28 maggio, dal titolo Note sul filo di lana “Una Pecora per Farindola”. Nell’occasione raccoglieranno un contributo per Martinelli.

Ad oggi il piccolo contributo di € 4500 è diventato comunque un’importante cifra, nonostante sia irrisoria rispetto alla gravità dei danni subiti, ma solo per il gesto d’amore e di solidarietà, sono per Pietropaolo Martinelli e la sua Angela, un segno di rinascita, una spinta a trovare la forza di ricominciare.

In questi mesi l’azienda ha perso due terzi del fatturato che realizzava, con spese invariate, poiché i dipendenti sono rimasti a lavorare con fatica, non per produrre il pecorino, mungere e pensare alle coltivazioni, ma per risistemare macchinari e smaltire i resti dei capannoni andati distrutti.

Questo è un segno che la solidarietà vince sempre.

“Chi nel cammino della vita ha acceso anche soltanto una fiaccola nell’ora buia di qualcuno non è vissuto invano.”


(Madre Teresa di Calcutta)