Archivio notizie in evidenza

Editoriali

Guida TV

CONFERENZA RETTORI AFRICANI PDF Stampa E-mail
CONFERENZA RETTORI AFRICANI

Teramo, 11 giugno 2019 -

La città di Teramo, in Abruzzo, in Italia, farà da cornice a un vivace dibattito tra i Rettori, i Vice Cancellieri e i Presidenti di diverse università africane, nonché esperti del patrimonio culturale del continente. L'obiettivo è quello di creare nuove traiettorie per le istituzioni di apprendimento superiore per promuovere e garantire la protezione delle risorse culturali e naturali del continente.

La Conferenza dei Rettori delle Università Africane su "Tutela del patrimonio culturale e naturale e risorse attraverso la prevenzione: professioni attuali e nuove" disimballerà il concetto di "prevenzione" come strumento di sviluppo, come questo si traduce nel mondo professionale e sul campo, e cosa significa nel contesto africano. Con le università in prima linea per plasmare la prossima generazione, sono in una posizione privilegiata per sostenere l'innovazione nella protezione delle risorse del patrimonio, ma anche utilizzando il patrimonio per creare opportunità e fornire benessere alle comunità.

"Con i giovani che ora costituiscono oltre la metà della popolazione in Africa, noi, in quanto luoghi di apprendimento, dobbiamo essere pronti a fornire agli studenti gli strumenti di cui hanno bisogno per prendersi cura del loro ambiente culturale e naturale e guadagnarci da vivere nel modo più sostenibile modo ", ha dichiarato Webber Ndoro, Direttore Generale dell'ICCROM. "È per questo motivo che dobbiamo ripensare alle professioni che circondano la prevenzione e la conservazione e cercare nuove opportunità L'Africa può aprire la strada".

Questo evento di un giorno si svolgerà durante il "II Forum Internazionale del Gran Sasso", un grande evento multidisciplinare a Teramo per esperti di Università e Ricerca di tutta Europa. Il Forum internazionale (20-22 giugno 2019) affronterà "Prevenzione, la via allo sviluppo", esplorando il contributo del mondo accademico alla salvaguardia del benessere delle comunità.

l'iniziativa vede come partner l'ICCROM (Centro Internazionale per lo Studio della Conservazione e Restauro dei Beni Culturali), l'Università di Teramo e la Diocesi di Teramo-Atri, sotto l'egida e il sostegno finanziario del Ministero degli Affari Esteri italiano e cooperazione internazionale.

#preventionmeanspreserving

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL TESTO DEL VESCOVO LEUZZI

Il tema del II Forum del Gran Sasso, “La prevenzione, via per un nuovo sviluppo”, pone le basi per il rilancio della cooperazione.

Infatti la cooperazione si è fermata alla sola dimensione assistenzialistica perdendo lungo la strada la sua dinamica specifica che è quella di generare e sostenere una nuova progettualità sociale, sollecitata dal cambiamento d’epoca, capace di promuovere lo sviluppo.

In una visione realistica della storia e della società del cambiamento d’epoca la prevenzione non è sinonimo di “controllo”, ma è capacità di guardare oltre ciò che accade o è accaduto. Senza la cultura della prevenzione non ci può essere progettualità sociale ma solo controllo sociale: controllo delle nascite, dei cervelli, dei flussi migratori, dell’ambiente…. Tutto deve essere controllato, perché tutto deve essere programmato.

Controllare il sociale è stata la grande tentazione delle ideologie che hanno dominato il ‘900 e di cui oggi ne subiamo le conseguenze. Con la loro crisi sono rimasti i problemi per la cui soluzione non c’è bisogno di controllo ma di progettualità sociale. Di qui la crisi della cooperazione!

Se ritorniamo con la nostra memoria alla prima parabola, quella delle vergini stolte e delle vergini sagge, del capitolo 25 di Matteo, cui fa riferimento il primo verbo del trittico, prevenire, investire, costruire, non è difficile scoprire che le vergini stolte pensassero che prevenire significasse essere controllate e quindi di dover consumare tutto e subito. Erano stolte perché avevano della prevenzione un concetto sbagliato.

Anche nella cultura contemporanea si è sviluppato, in sostituzione delle ideologie astratte e anti-storiche del ‘900, un’idea negativa di prevenzione. Consumare tutto e subito per non essere controllati o non aver bisogno di essere controllati.

Ma in tal modo non c’è progettualità sociale e quindi sviluppo. Le vergini stolte perdono il senso del tempo e dello spazio. Le vergini sagge, con la prevenzione, avevano conservato l’olio, avevano la possibilità di partecipare agli avvenimenti della storia.

La progettualità sociale necessita di conoscenza e di capacità organizzativa favorendo il coinvolgimento e la partecipazione di tutti.  È il contrario dell’assistenzialismo.

I popoli, nel cambiamento d’epoca, rischiano di non essere più capaci di progettualità sociale se dovesse proseguire l’abbandono della cultura della prevenzione, via per il rilancio della stessa capacità di sviluppo.

La cooperazione si è limitata ad affrontare i limiti della prevenzione intesa come controllo, ma non ha promosso la cultura della prevenzione come sostegno e promozione della ricchezza culturale e sociale dei popoli.

Di qui la sua crisi.

La cooperazione non può e non deve essere sinonimo di assistenzialismo, sia pure di natura caritativa, ma di sviluppo, inteso come capacità di far crescere e maturare tutte le potenzialità proprie di un popolo per la crescita dei suoi membri, nel rispetto delle proprie dinamiche sociali e culturali.

Una cooperazione che non favorisse tale sviluppo rischia di cadere nella cultura del controllo dando l’illusione dell’integrazione, ma in realtà strumentalizza la crisi di un popolo abbandonandolo al potere di controllo di realtà internazionali.

Riflettere sulla prevenzione significa per la cooperazione impegnarsi nel favorire un nuovo dialogo tra le istituzioni, a cominciare dall’Università, mettendo in atto forme di collaborazione per la crescita di operatori, nei diversi campi della società, capaci di rinsaldare la fiducia nella possibilità di costruire un nuovo sviluppo nel proprio Paese, confidando nelle capacità dei suoi membri e nelle potenzialità della globalizzazione che non assorbe, ma promuove lo sviluppo dei popoli.

Prevenire non è controllare, ma promuovere sviluppo!

Il cambiamento d’epoca deve essere ancora servito e la via prioritaria è quella della prevenzione!

La prevenzione è il nome nuovo della cooperazione e quindi della pace!!

+ Lorenzo Leuzzi

Vescovo di Teramo-Atri

Matteo Pierfelice,

Ufficio Comunicazioni Sociali

Diocesi di Teramo-Atri