Archivio notizie in evidenza

Editoriali

Curioso e bizzarro

Guida TV

INDIeVISIBILE FESTIVAL 2017 PDF Stampa E-mail
INDIeVISIBILE FESTIVAL 2017

Torano Nuovo, 11 agosto 2017 - Torna anche quest’anno lINDIeVISIBILE festival, la rassegna musicale ad ingresso gratuito, promossa dall’Associazione Culturale Valerio Capponi, che nelle scorse edizioni ha ospitato Il Teatro degli Orrori, Diaframma, Levante, Fast Animals and Slow Kids, Bud Spencer Blues Explosion, Nobraino, Wrongonyou, Gazebo Penguins, Andrea Appino, EDDA, Giovanni Truppi, Giancane, gaLoni, Emanuele Colandrea, BAMBOO e moltissimi altri…

L’associazione nasce nel 2005 col forte bisogno di ricordare Valerio, prematuramente scomparso in un incidente stradale nell’estate del 2004. Egli era un ragazzo attivo, interessato e curioso, ricco di idee e progetti. Amava l’arte in tutte le sue espressioni: il cinema, la fotografia, la Musica… L’associazione Culturale Valerio Capponi nasce così al fine di promuovere eventi e manifestazioni in ambito artistico e culturale. L’INDIeVISIBILE festival nasce proprio per riportare in vita le passioni di Valerio per quanto riguarda l’ambito musicale, ma dando anche risalto all’arte, creando un grande evento che possa raccogliere amanti della musica, ma anche delle arti visive. La manifestazione infatti ospiterà anche le performances LIVE di Writers locali, che realizzeranno in tempo reale dei pannelli pittorici ad hoc, oltre a numerosi disegnatori della scena indipendente, provenienti da tutta Italia.

L’evento si svolge sempre a Torano Nuovo (TE), ma cambia location: questa V edizione si terrà nel bellissimo spazio verde del campo sportivo sito in Villa Bizzarri, frazione di Torano Nuovo e sarà accompagnato da buona birra e dalle prelibatezze culinarie del territorio abruzzese. Non mancheranno stand enogastronomici di vario tipo, live performance, dj-set, mostre ed esposizioni. Il festival ospiterà il meglio del panorama Rock indipendente italiano.

L’INDIeVISIBILE festival partirà venerdì 25 Agosto con DARIO ROSSI !

Batterista e produttore musicale tra i più conosciuti al mondo per l'originalità e l'unicità dei suoi live, usa soltanto materiali riciclati, come secchi, tubi, piatti rotti, pentole e padelle, facendo rimanere tutti a bocca aperta. La sua musica, e soprattutto il suo particolare modo di produrla, rappresenta un unicum nel settore della musica elettronica. Classe 1988, inizia sin da piccolo a fare esperimenti con il suono. Inizia a studiare batteria all'età di 10 anni per poi iscriversi ai 18 al Saint Luis College of Music di Roma approfondendo la conoscenza classica dello strumento e specializzandosi nella percussione. Nel 2011 parte per Londra e dopo alcuni mesi per gioco si esibisce in strada con un set composto da oggetti riciclati: in pochissimi minuti Piccadilly Circus si popola di persone sorprese dalla sua performance. Dalla strada fu un primo successo. Tornato in Italia inizia ad esibirsi di tanto in tanto in alcuni festival locali e nelle principali piazze di Roma, ma è nell'estate 2014 a Berlino che la sua attività ottiene per la prima volta un importante riconoscimento: il video della sua performance in Alexander Platz viene condiviso a macchia d'olio nel mondo, ricevendo milioni di visualizzazioni e l'attenzione di numerose testate internazionali. La stessa cosa sarebbe poi successa di lì a poco ad Amsterdam (Dam Square) e a Barcelona (Playa de la Barceloneta). Dal 2015 inizia il suo primo tour nelle principali capitali europee come Budapest (Sziget Festival), Copenaghen, Oslo, Praga, Parigi, Bruxelles,Berlino e Barcellona, dove suonò nuovamente in apertura alla performance del noto dj Luciano. Dario Rossi è oggi apprezzato da milioni di persone in tutto il mondo, tra i quali anche importantissime icone del panorama musicale internazionale. Attualmente si esibisce sui palchi di festival, club e teatri di tutta Europa, lavorando in studio alla produzione del suo nuovo Ep e proponendosi al pubblico non solo in veste di performer, ma anche di produttore musicale.

La serata del però inizierà con il cantautore The Castaway, per poi proseguire con i giovanissimi McFly’s Got Time. The Castaway è Luca Frugoni, classe 1989, che racconta, attraverso le radici folk di stampo nord americano, le sue “avventure in mare” mettendo a nudo ogni cicatrice, buttando giù la maschera e aprendo il cuore a quante più persone possibili. Nell’Agosto del 2016 partecipa al VulciFest in apertura a Daniele Silvestri e la sua band. Vince poi il primo premio del contest “In The Grove”, a cura di Radio Libera Tutti. Il 3 Febbraio 2017 è uscito il primo singolo “Blank Pages” e il 22 Maggio il secondo singolo "Sing and Swim". Il cantautore romano si esibirà con chitarra e voce, prima di lasciare il posto ai McFly’s Got Time, quartetto Pop-folk romano. I McFly’s Got Time sono Michele Proietti (chitarrista), Alessandro Speranza (cantante), Alessandro Rizzo (basso) ed Emanuele Fragolini (batteria e  percussioni). La band nasce nel 2015 e propone i propri brani nella cornice dell’OpenMic  di “Spaghetti Unplugged” a Roma. Ad Ottobre iniziano i primi live in festival e piccoli locali della Capitale. Ciò che tiene insieme i quattro membri è un la passione per i classici del Folk che, unito alle peculiarità solistiche strumentali di ciascun musicista, crea una formula originale che mantiene ben vivo un sound Indie-Rock contemporaneo più evoluto e libero. Nella capitale hanno aperto i live di Joe Victor e VOINA e sono stati scelti per la Festa della Musica di Mantova e per il MEI di Faenza. Inoltre hanno anche partecipato all’INDIeVISIBILE night Rome al MONK, lo scorso 19 Maggio. Il 15 Ottobre 2016 è uscito su Spotify e su tutti gli store digitali il loro primo EP "Elsewhere", autoprodotto e registrato presso Officine Zero sotto il management di Fattore C. I viaggi, l’evasione dalla realtà, la malinconia e gli amori inaspettati sono i temi che accomunano i 5 brani contenuti nell’Ep. Le influenze sonore dei McFly's Got Time si trovano tanto nel passato (Paul Simon, Tim Buckley, Stealer's Wheel, Beatles) quanto nei tempi più recenti (Beck, Radiohead). Elsewhere è un progetto raffinato, la cui ricerca acustica si intercetta in ogni singolo brano.

Sabato 26 Agosto sarà il turno dei Management del Dolore post-Operatorio. La rock band abruzzese, guidata dal duo Luca Romagnoli e Marco “Diniz” Di Nardo, esordisce ufficialmente nel 2012 con l’album “Auff!!" (per Martelabel), la cui produzione artistica è affidata alle mani di Max ‘Stirner' Fusaroli. Senza prendere fiato calcano centinaia di palchi in Italia e oltre frontiera, comparendo come guest al Popkomm di Berlino e lo Sziget Festival di Budapest, fino ad arrivare al Concertone del Primo Maggio di Roma nel 2013, dove vengono censurati per la loro esibizione. Nel 2014 esce “McMao" (per Martelabel/ColorSound Indie - Alternative Produzioni/Universal). Anche questo disco si avvale della produzione artistica di Manuele Fusaroli, nonché dell'opera omonima di Giuseppe Veneziano per la copertina. Per il tour 2013 e il secondo album ufficiale del 2014 ricevono dal M.E.I. rispettivamente il premio come 'Miglior Band Live' e 'Miglior Indie Band Italiana’. Dal 2015 il gruppo è entrato ne La Tempesta Dischi e con la produzione artistica di Giulio ‘Ragno’ Favero (Il Teatro degli Orrori), nel 2015, realizza l’album "I Love You”. Il loro ultimo album, uscito nel Marzo scorso, si intitola "Un Incubo Stupendo" e si avvale della collaborazione (sia in studio che nei live) della band teramana I MURI, composta da Lorenzo castagna (chitarra), Antonio Atella (basso) e Valerio Pompei (batteria). Luca Romganoli racconta così la nascita del progetto: "Era un sabato sera di primavera ed eravamo ubriachi. La strada era dritta, tutta dritta. Improvvisamente BOOM! Ci ritroviamo su un albero con la macchina distrutta. Due femori un ginocchio e un braccio frantumati, una milza asportata. Ma le ossa col tempo si rimettono a posto e la milza lo sanno tutti che non serve a un cazzo. Da quel giorno cominciamo a girovagare per narrare la storia delle nostre gambe rotte e delle nostre vite storte. La storia di ragazzi che hanno poche semplici cose da dire racchiuse tutte in un'unica parola: GODERE. Ce l’abbiamo sempre a morte con qualcuno, e questo odio andiamo cantando col sorriso. Benvenuti nel MANAGEMENT DEL DOLORE POST-OPERATORIO, l’unico posto che cura tutto curandosi di niente."

La serata di Domenica 27 Agosto inizierà però con la bellissima voce della cantautrice Mèsa e proseguirà poi con la band alternative rock campana I Botanici, per poi arrivare al live dei Management del Dolore Post-Operatorio. Federica Messa, in arte Mèsa, Nasce a Roma nel 1991, con una buona dose di Sicilia nel sangue. Inizia a suonare la chitarra e a scrivere canzoni da bambina ascoltando i Nirvana, passando col tempo per il rock alternativo italiano fino allo sbarco sul pianeta Folk dove inizia ad apprezzare il sussurro e l'invito alla melodia. Si converte alla sua lingua soltanto a 23 anni perché capisce che per raccontare qualcosa c'è bisogno di una profonda amicizia con le parole. Dopo vari anni in band anglofone, si ritira per necessità a scrivere dei brani in italiano che raccontano il distacco, la resilienza e il desiderio di stanare un’altra occasione. Dopo aver suonato un anno in solitaria in giro per Roma e non solo registra in studio in suo primo EP, uscito lo scorso 27 Gennaio. La sua prima opera, composta da 5 tracce, viene presentata per la prima volta, in versione full band, a Le Mura Music Bar, stupendo tutti con un fulmineo Sold Out. Quelli contenuti nell’EP sono brani che nascono da una doppia fine simultanea: la fine di un amore e la fine di una band. La prima fine ha prestato i contenuti, la seconda ha imposto la ricerca di una forma indipendente. E così una scrittura molto influenzata dal sound americano degli anni ’90 ha incontrato un cantautorato languido e più intimo, desideroso di recuperare le proprie radici. Tra Mèsa e i Management del Dolore Post-Operatorio si esibiranno I Botanici, band indie/alternative/post-emo nata a Benevento nel 2015 e caratterizzata da influenze emocore, hardcore, post-punk. L’esordio del gruppo avviene nel novembre del 2015 con tre inediti: “Non sbaglio più”, “Io non credo”, “C’avremo tanto da fare”, contenuti in “Demo in ciabatte”. I loro testi parlano di amori spontanei, storie che hanno lasciato un segno, sentimenti e stati d’animo che vanno dall’ amore, alla solitudine fino ad arrivare alle generali paure ed incertezze tipiche della post-adolescenza. Hanno aperto e condiviso il palco con diverse band come Fast Animals and Slow Kids, Pan del Diavolo, The Zen Circus, Selton e molti altri. Il 7 aprile 2017 è uscito per Garrincha Dischi e sotto la produzione di Alberto Bebo Guidetti (Lo Stato Sociale), Solstizio, il loro primo album.

Domenica 27 Agosto, ultimo giorno della manifestazione, avremo il grandissimo piacere di ospitare un noto ospite internazionale all’INDIeVISIBILE festival: si tratta dell’australiano Benjamin Stanford aka Dub Fx. Dub FX è l'epiteto della musica indipendente. Nato a Melbourne, Benjamin Stanford partì nel 2006 per l’Europa. Aveva un semplice piano: vivere in un furgone, viaggiare nel mondo e fare strada nel mondo della musica. Da quel momento in avanti, Dub FX ha venduto più di centomila dischi, ha sconvolto importanti festival in tutto il mondo, ha raccolto oltre 200 milioni di visualizzazioni su YouTube e si è costruito organicamente una Fanbase di facebook costituita da oltre 630.000 fan. E ha fatto tutto ciò in maniera completamente indipendente… Dopo infinite prestazioni per le strade di tutto il mondo, le persone hanno catturato la sua forma d'arte sui loro smartphone e dispositivi elettronici e li hanno pubblicati su tutti i social media, provocando video virali che hanno catapultato Dub Fx in un nuovo tipo di successo che all’epoca ancora non esisteva. I video catturano il suo stile originale caratterizzato dalla registrazione di suoni live, per poi rimandarli in loop, dando al pubblico la comprensione degli strati che compongono l'eclettico spettacolo di una persona. "Mi piace mescolare tutti i generi insieme jazz, reggae, hip-hop, samba, drum’n bass, dubstep. Qualunque cosa mi sento al momento, questa è la bellezza del mio setup.” I suoi pezzi suonano come se fossero delle tracce tratte da un CD che viene riprodotto da uno stereo; Invece è una sola persona che produce tutti quei suoni, servendosi solo della sua voce, un pedale FX e una Loop machine. I suoi testi sono intrisi di positività e auto-potenziamento e insieme alla sua musica formano un Mix perfetto. "Ho deciso da tempo che voglio essere ricordato per l'aggiunta di valore al mondo e posso farlo attraverso l'ispirazione di persone con contenuti lirici coscienti, indipendentemente da quanto impopolare questo possa essere". Dub FX ha rilasciato in maniera indipendente il suo terzo album in studio "Thinking Clear" alla fine del 2016 attraverso la sua etichetta CONVOY in partnership con la Germania Membran. Registrato nei suoi stessi Treetop Studios, la sua innovativa miscela di generi con scenari ambientali crea un'esperienza olistica, che ispira attraverso elementi trascendenti elettronici e acustici. Nel Luglio 2017 Dub FX è tornato alle sue radici per il suo ultimo singolo, 'Listening'. Un pezzo reggae influenzato dall'atmosfera che lo ha influenzato originariamente. Il video può essere visualizzato qui: https://www.youtube.com/watch?v=EiP6nMucE1I        Dub Fx ha anche prodotto un album di otto brani di musica e poesia originali per la sua compagna Sahida. La sua musica parla dei suoi viaggi, di auto-potenziamento, di positività e di giustizia sociale.

Ad aprire il concerto del grande Dub Fx sarà l’abruzzese NIKKè. Niccolò Venturini, attivo già dal 2005 al 2009 come frontman della band PUNKLASTITE, ha debuttato nel febbraio 2013, sotto il diminutivo di NIKKè, con un progetto solista sperimentale che mescola l'hip-hop con influenze reggae, jungle, funky, punk, pop-cantautorale.... Attualmente si esibisce con microfono e (occasionalmente) chitarra seguito da Dj Ponte o Dj Timelex ai controlli. Ha aperto concerti di artisti di fama nazionale, e non, del calibro di: Sud Sound System, Mellow Mood, Tre Allegri Ragazzi Morti, Il Pan del Diavolo, Train to Roots, Management del Dolore Post-Operatorio, e molti altri... Ha partecipato inoltre a numerosi festival, in territorio italiano, come: Bababoom Festival (FM), Raggapiave Festival (TV), Cerebration Fest (PD), Maremoto Festival (AP), Mazzumaja Festival (AP), ed altri ancora... Le canzoni sono state prodotte e registrate dallo stesso,
missate e masterizzate da Nacor Fischetti della N-core produzioni di Ascoli Piceno. L'EP "Voglia Di Niente" è disponibile, in free download, al link: http://www.mediafire.com/file/0nxi59793vdg8d7/NIKKe%CC%80+-+Voglia+Di+Niente+%28EP%29.zip