Editoriali

Guida TV

RICOMINCIAMO DA "Z" COME ZENNARO PDF Stampa E-mail
RICOMINCIAMO DA

Teramo, 10 febbraio 2019 -

Gli attivisti e gli iscritti storici del movimento 5 stelle abruzzese che si riconoscono nei principi originari riuniti nell'associazione Cassiopea hanno invitato  la dirigenza regionale del Movimento Cinque Stelle, in questo scorcio di fine campagna elettorale per le regionali 2019, ad interrogarsi sulla mancanza di dibattito interno, sull'autoreferenzialità degli eletti, l'arbitrarietà delle scelte e dei programmi, l'uso del bavaglio politico nei confronti delle voci fuori dal coro e sulla mancanza di partecipazione.

È insopportabile che si tollerino atteggiamenti sempre rimproverati ai partiti tradizionali, ora divenuti consuetudine tra alcuni eletti del M5S che si sono abituati presto alle cariche ed alla frequentazione delle sedi istituzionali ed ora faticano persino a concepire la normale circolarità dei ruoli e delle funzioni. Coloro che dovevano prestare la loro voce alle istanze della base hanno finito per portare solo la loro, restando scollegati dal territorio di riferimento al quale fanno ritorno solo per chiedere il voto in campagna elettorale. Di questi portavoce faremmo volentieri a meno e per ristabilire le priorità ed il bisogno di democrazia interna, abbiamo invitato Antonio Zennaro ad un incontro da tenersi in provincia di Teramo subito dopo il voto delle regionali. Sebbene ribadiamo il nostro disappunto per la scelta di un parlamentare estraneo alla vita del movimento in Abruzzo ed imposto dall'alto, abbiamo chiesto un interlocutore come il parlamentare veneto, eletto con il sistema dei collegi uninominali nel marzo 2018, perché rappresenta una figura neutra rispetto alle difficili dinamiche territoriali che vedono coinvolti altri portavoce che poco o nulla hanno fatto per mantenere vivo il rapporto con la base. Zennaro, molto correttamente, ha espresso la sua disponibilità al confronto. Speriamo di poter scrivere presto pagine nuove e con autentico spirito cinquestelle nella storia del movimento in Abruzzo per arrivare alle elezioni europee ed ai prossimi appuntamenti nuovamente competitivi e finalmente coerenti.

 

Attilio Falchi, per CASSIOPEA