Editoriali

Guida TV

FERMARE IL TAGLIO PDF Stampa E-mail
FERMARE IL TAGLIO

San Salvo, 4 settembre 2021 -

Il WWF Zona Frentana e Costa Teatina interviene sull'imminente taglio previsto dei pini della villa comunale di San Salvo


L'Associazione ritiene che i pini della villa comunali rientrino tra quelli sottoposti a vincolo dalla normativa nazionale e regionale in quanto “alberi ad alto fusto inseriti in particolari complessi architettonici di importanza storica e culturale, quali ad esempio ville, monasteri, chiese, orti botanici e residenze storiche private”.

In questo caso  “L'abbattimento e l'espianto del patrimonio arboreo di cui al comma 2, esclusivamente per casi motivati e improcrastinabili, è consentito previo parere obbligatorio e vincolante del Corpo forestale dello Stato (ora Carabinieri Forestale), idoneo ad escludere la praticabilità di soluzioni alternative o complementari aventi minore impatto ambientale”.  

 

Per questo motivo il WWF ha inviato una segnalazione ai Carabinieri Forestale chiedendo loro di valutare la fattispecie. 

 

L'amministrazione comunale, inoltre, ha ignorato quanto disposto dalla L. 10/2013 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani” e di quanto previsto dalle “Linee guida per la gestione del verde urbano e prime indicazioni per una pianificazione sostenibile” edito dal Ministero dell'Ambiente.

 

Le linee guida chiedono di favorire, rispettandone distribuzione ed ecologia, le specie italiane previste da apposito elenco redatto da ISPRA (in cui non sono certo inserite magnolie o paulonie) e consigliano di preferire un “prato selvatico” o “prato fiorito” al prato inglese; quest'ultimo non favorisce la biodiversità, necessita di tanta manutenzione e di molte risorse (acqua, prodotti fitosanitari, carburante per tosaerba, ecc.), in controtendenza rispetto alla necessità di ridurre il fabbisogno idrico a causa dei cambiamenti climatici in atto. Queste disposizioni sembrano essere state ignorate nel progetto di riqualificazione della villa comunale. 

 

Oramai non è più procrastinabile l'approvazione di un Regolamento comunale per la gestione del verde pubblico e privato: il Comune di San Salvo è rimasto uno dei pochi comuni abruzzesi superiori ai 15.000 abitanti ad esserne privo. Ricordiamo in ultimo che i Comuni che non adottano il Regolamento del Verde sono esclusi dagli incentivi concessi con fondi pubblici per l’incremento ed il miglioramento del verde urbano e periurbano (L.R. 3/2014), che potrebbero aiutare i Comuni proprio ad evitare quei problemi di sicurezza dovuti semplicemente a mancanza di manutenzione.  

 

Ines Palena
Presidente Associazione 

WWF Zona Frentana e Costa Teatina 

 

I sapori dalle nostre tavole