cultura >> Storia e cultura >> LA LIBERTÀ NELLE ARTI VISIVE 2

Editoriali

Guida TV

LA LIBERTÀ NELLE ARTI VISIVE 2
LA LIBERTÀ NELLE ARTI VISIVE 2

Francavilla al mare, 8 aprile 2019 - Ad ospitare l’evento ci sono le pareti del MuMi, Museo Francesco Paolo Michetti a Francavilla Al Mare. La mostra è stata inaugurata il 30 marzo e durerà fino al 22 aprile. Il curatore di questa edizione è ancora una volta il talentuoso Leonardo Paglialonga, già presidente dell’associazione artistico-culturale Nemesis. Il pittore, critico d’arte e accademico di merito a vita dell’Accademia Belle Arti di Perugia, Bruno Paglialonga, è intervenuto nella presentazione dell’avvenimento scrivendo e raccontandoci questo percorso nel catalogo che racchiudono le opere.

Il curatore, intanto, ci dice che questa manifestazione è stata patrocinata dallo stesso comune di Francavilla Al Mare e dall’Università della libera Età.

L’esposizione è concatenata all’associazione romana “Arte in Bottega” e a quella marchigiana “Star Art”. Nel museo troviamo esposti più di 70 opere provenienti non solo dalla regione Abruzzo, ma anche da Lombardia, Marche, Lazio, Molise, Campania e Puglia. Ognuna con il suo stile e la sua tecnica, per dare spazio a tutte le correnti.  Ma dove l’arte trova il suo presente, questa mostra non può dimenticare il passato. Infatti, nella rassegna, viene attribuito un omaggio alla memoria della giovane studentessa americana Olivia Shipp. Questa ragazza era approdata a Roma per frequentare i corsi tenuti dal Maestro Giorgio Ferretti proprio nell’associazione “Arte in Bottega” agganciata all”Università Californiana di Roma. Ricordare questa persona è un non lasciarla morire, tenendola in qualche modo ancora in vita. Come la vita e la passione che ci trasmettono i quadri di della mostra, un corridoio di colori e forme. Oltre ad artisti lontani troviamo anche quelli vicini, è proprio qui che espone la sua opera l’artista ortonese Alessandro Seccia dal titolo Scanno, che parla di questo paese attraverso luci quasi reali. Passeggiando tra i larghi e silenziosi corridoi dell’evento, si coglie la libertà di cui ci parla Paglialonga con il suo semplice titolo. Un viaggio momentaneo da consigliare a tutti, anche perché l’ingresso al museo è libero. Il Finissage   si terrà il 22 aprile per la chiusura dell’esposizione artistica. 

Paola Di Virgilio