cultura >> Storia e cultura >> LA SECONDA PARTE DEL FESTIVAL MUSANIMA

Editoriali

Guida TV

LA SECONDA PARTE DEL FESTIVAL MUSANIMA
LA SECONDA PARTE DEL FESTIVAL MUSANIMA

L'Aquila, 13 maggio 2019 - Dopo il successo di START 1, il primo appuntamento di MusAnima, debutta Martedì 14 maggio alle 19, sul palco dell’Auditorium “Shigeru Ban” del Conservatorio Statale di Musica “A. Casella” START 2, la seconda produzione del Festival di Musica contemporanea dell’Istituzione Sinfonica Abruzzese coordinata dal compositore pescarese di adozione, il M° Stefano Taglietti, e che coinvolge, attraverso una formula itinerante, i tre conservatori abruzzesi (L’Aquila, Teramo e Pescara) presenti già nella prima edizione dello scorso anno ai quali si sono aggiunti per il 2019 anche gli istituti di Latina, Frosinone, e Fermo.

Dopo l’appuntamento aquilano, il concerto verrà replicato Mercoledì 15 Maggio alle ore 18 a Latina nell’Auditorium "R. Caetani" del Conservatorio "O. Respighi"; Giovedì 16 Maggio sempre alle ore 18 a Frosinone presso l’Auditorium "D. Paris" del Conservatorio "L. Refice", Venerdì 17 Maggio  alle ore 21 a Teramo presso l’Auditorium del Conservatorio "G. Braga", Sabato 18 Maggio alle ore 18 a Pescara presso l’ Auditorium Conservatorio "L. D'Annunzio” e, per finire, Domenica 19 maggio alle ore 18 al Teatro Cicconi di Sant’Elpidio a Mare.

Sarà ancora il direttore residente dell’OSA, il M° Marco Moresco, pianista, compositore e docente presso il Conservatorio “L. D’Annunzio” di Pescara, a guidare i professori dell’Orchestra Sinfonica Abruzzese che interpreteranno gli 8 brani in programma in prima esecuzione assoluta di cui 2 nuove commissioni affidate dall’ISA a una coppia di compositori di chiara fama nel panorama italiano: Edgar C. Alandia e Carla Magnan.

Il primo Edgar C. Alandia è docente di Composizione in molti Conservatori italiani, le sue composizioni sono regolarmente eseguite da nomi di primo piano della scena internazionale, presentate nei cartelloni di festival di musica contemporanea e di importanti stagioni in tutto il mondo, e pubblicate dalle più riconosciute case editrici (Ricordi di Milano, Edipan di Roma, BMG di Roma, Musicinco di Madrid) con grande successo oltre che in Italia, anche in Argentina, Brasile. Alandia presenta il brano Huellas y las que queden sean bellas.

Legere Flores, è invece il titolo dell’opera di Carla Magnan, compositore e didatta, vincitrice di concorsi nazionale ed internazionali, e autrice anche di spettacoli e drammaturgie teatrali, eseguite in sale prestigiose e teatri italiani ed esteri. Codirettore della rivista di ricerca musicale contemporanea SuonoSonda, si occupa anche di direzione artistica dell’Associazione Culturale genovese PAN, di cui è Vicepresidente. Pubblica per Casa Ricordi, Raicom e Sconfinarte edizioni.

Completano il programma le opere di sei fra i più brillanti allievi delle classi di Composizione dei conservatori coinvolti. Si tratta per questa seconda produzione di Andrei Octavian Popuescu del Conservatorio “A. Casella” dell’Aquila, di Dario Peluso del Conservatorio “O. Respighi” di Latina, di Stefano Befacchia del Conservatorio “G. Braga” di Teramo, e ancora di Gianmarco Rossi del Conservatorio “L. D’Annunzio” di Pescara, Manuele La Puca del Conservatorio “L. Refice” di Frosinone e di Vincenzo Ruggiero del Conservatorio “G.B. Pergolesi” di Fermo.

Elisa Cerasoli