cultura >> Storia e cultura >> WORLD OBESITY DAY

Editoriali

Guida TV

WORLD OBESITY DAY
WORLD OBESITY DAY

L'Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (Adi) promuove ogni anno una giornata di sensibilizzazione nei confronti dell'obesità, denominata Obesity Day. Lo scopo di questa campagna nazionale è quello di stimolare e supportare soluzioni pratiche per aiutare le persone a raggiungere e mantenere un peso sano. L'obesità rappresenta, infatti, uno tra i principali problemi di salute pubblica a livello mondiale ed è in costante aumento. I soggetti obesi sono a maggior rischio per lo sviluppo di svariati disturbi che comprendono malattie metaboliche come il diabete, patologie cardiovascolari e respiratorie, problemi a carico delle articolazioni e tumori.

Gli ultimi dati forniti dall’Osservatorio Nazionale sulla Salute nelle Regioni Italiane evidenziano che il 35,5% della popolazione adulta è in sovrappeso, mentre il 9,8% è obesa. Da uno studio del Dipartimento di Prevenzione della Asl Lanciano Vasto Chieti, diretto dal dottor Giuseppe Torzi, è emerso che nella provincia del capoluogo teatino circa 125mila persone di età compresa tra i 18 e i 69 anni presentano un eccessivo accumulo di grasso corporeo: si tratta del 48% della popolazione, rispetto al 45% del dato complessivo abruzzese e il 42% in tutta Italia. Inoltre la dieta per ridurre o controllare il peso è praticata solo dal 23% delle persone in eccesso ponderale, mentre è più diffusa la pratica di un’attività fisica moderata (61%).

L’analisi deriva dalle risposte fornite da un campione di circa 1.100 persone intervistate telefonicamente tra il 2015 e il 2018: di questi, il 3% risulta sottopeso, il 49% normopeso, il 35% sovrappeso e il 13% obeso. In provincia di Chieti l’ipercolesterolemia ha una frequenza del 29% nel primo gruppo rispetto al 18% del secondo gruppo; il diabete del 10% contro il 3%; l’infarto del 4% contro lo 0,5%; l’ipertensione del 35% contro l’11%; le malattie respiratorie del 12% contro il 7%.

In occasione dell'Obesity Day l'Adi e altre società scientifiche hanno firmato la  "Carta dei Diritti e dei Doveri della persona con obesità".

Attraverso questo documento medici e pazienti puntano al riconoscimento dell’obesità come malattia cronica caratterizzata da elevati costi economici e sociali. I firmatari chiedono anche di definire meglio i ruoli degli specialisti che si occupano di questa patologia e di assicurare alla persona il pieno accesso alle cure e ai trattamenti dietetico-alimentari, farmacologici e chirurgici definendo le prestazioni di cura e le modalità per il rimborso delle stesse.

Maria D'Argento