cultura >> Storia e cultura >> NIENTE PIÙ METAFISICA

Editoriali

Guida TV

NIENTE PIÙ METAFISICA
NIENTE PIÙ METAFISICA

Pescara, 14 gennaio 2020 - Lo spazio teatrale dell'associazione culturale Cronosfera, in via Malagrida 35 a Pescara, ospita un altro appuntamento da non perdere: il 19 gennaio, alle 18.30, è la volta di Simone Fraticelli con il suo monologo intitolato "Niente più metafisica". Il secondo appuntamento al Cronospazio è uno spettacolo one-man-show scritto e interpretato da uno dei più talentuosi attori dello staff, un racconto irriverente e bizzarro che ha il potere di trasportare il pubblico in un'avventura surreale ma non troppo, contaminata da un tocco di follia sovrannaturale.

 Simone Fraticelli, laureato alla EUTHECA di Roma, ha studiato con Eugenio Barba, Oskaras Korsunovas, Giorgio Albertazzi e altri nomi, piccoli e grandi, del panorama teatrale europeo. Attualmente sta frequentando un master presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico". È con Cronosfera dal 2018.

“Dio, dove sei finito?”, sembra chiedersi Simone Fraticelli. Un grido che svuota i templi dell’Occidente. Ma cosa accade a un ragazzo ateo, cresciuto tra Nietzsche ed Homer Simpson, quando l’irrazionale inizia a fargli l’occhiolino? Simone è un ragazzo ateo, come tanti nella sua generazione, perennemente in lotta con problemi che senza alcuna ragione lo tormentano. La caduta dei capelli, i conservanti delle merendine, girare un film comico sull’esotico sfondo della Bali indonesiana. Un giorno però Simone incontra un fantasma. Molte persone sarebbero fuggite, altri incominciato una storia dell’orrore. Non Simone. Adesso lui ha un problema. Cosa vuol dire perdere la ragione? Un viaggio infernale verso gli abissi dell’oscurità Il primo passo per trovare sé stessi Simone ha scoperto l’esistenza del mondo oltre la fisica. Tutta la sua vita è ora da riscrivere.Quanto è reale il mondo che ci circonda? Io chi sono? Un viaggio iniziatico alla ricerca dell’Assoluto, che porterà il protagonista, superstar della grande illusione, dalla Cinecittà Eterna alle sponde dell’Indonesia per ascoltare le opinioni più disparate e confrontarsi con i dettami della chiesa, l’omosessualità, ma soprattutto con il crudele silenzio dei cieli. Un uomo alla ricerca della verità, tra copioni, zanzare ed esorcisti. E appena un velo di pazzia. Niente più metafisica: la quotidiana dose di seghe mentali per non diventare ciechi nel pensiero.