cultura >> Storia e cultura >> CONCERTO E VIRTUAL TOUR

Editoriali

Guida TV

CONCERTO E VIRTUAL TOUR
 CONCERTO E VIRTUAL TOUR

Ortona, 4 dicembre 2020 -

Domenica 6 dicembre alle 18:00 appuntamento con il quarto concerto della nuova programmazione dell’Istituto Nazionale Tostiano dal titolo “Incontri Musicali 2020”. Attraverso il canale youtube dell’Istituto Nazionale Tostiano sarà possibile assistere all’evento. Ad esibirsi, questa volta, due giovani musicisti che però hanno alle spalle molte esperienze esecutive sia solistiche che in ensemble e orchestra. Lorenzo Torelli alla tuba e Michele Natale al pianoforte ci condurranno in un percorso musicale inusuale al grande pubblico.

«Questo quarto incontro musicale» - spiega il direttore artistico Maurizio Torelli - «ci porta in un viaggio nel pieno novecento accompagnati da uno strumento solista particolare, la tuba. Ascolteremo autori quali Rachmaninov, Crespo, Blazevich che ci faranno conoscere questo nobile strumento nelle sue più varie capacità espressive». A dicembre, inoltre, altre due interessanti iniziative in programma: un virtual tour del museo ed una mostra documentaria. Il video relativo al Museo Francesco Paolo Tosti di Ortona uscirà l’8 dicembre, alle ore 18.00 mentre quello della mostra “Note e banconote.

 

Tosti e le strategie di vendita degli editori musicali” è programmato per il giorno 10 dicembre alla stessa ora. La visita virtuale del museo mostrerà al pubblico la sala Tosti, la sala del Museo Musicale d’Abruzzo e i tanti preziosi documenti conservati.

 

Operazione nata in tempi di covid, ma programmata ben prima, consentirà anche a chi non risiede sul territorio, di apprezzare le bellezze di un Museo che narra la storia straordinaria di un compositore che da Ortona si affermò in tutto il mondo. La mostra, invece, propone una selezione di spartiti musicali originali delle composizioni di Francesco Paolo Tosti pubblicate da Casa Ricordi e da altri editori internazionali. Ammirando le belle edizioni del tempo emergono gli elementi principali usati dalle grandi case editrici anche per aumentare l’interesse e le vendite: illustrazioni grafiche realizzate da importanti artisti, cura dell’impaginazione e scelta dei caratteri, dediche a personaggi importanti o a esponenti della nobiltà del tempo, o ai grandi interpreti o elenco dei cantanti che avevano interpretato i brani. In definitiva gli originali restituiscono uno spaccato della società tra Ottocento e primi Novecento e mostrano alcune strategie di marketing che si possono considerare anticipatrici di quanto accadrà con la diffusione della radio e del grammofono. 

 

«Gli ambienti e i documenti mostrati sono principalmente quelli dell’Istituto ortonese che per la prima volta ha reso possibile la visione di alcune tra le cose più preziose conservate» - sottolinea il maestro Torelli che conclude: «si tratta di un grande lavoro di ricerca, di selezione e montaggio di immagini, di musiche tostiane, tratte da incisioni storiche o moderne di grandi interpreti che restituiscono il fascino di una visita reale ed anzi costituiranno un forte stimolo a vivere personalmente l’esperienza del Museo quando le condizioni della pandemia lo permetteranno. Inoltre, vale la pena sottolineare che l’Istituto Tostiano conserva altre sezioni del museo dedicate a grandi interpreti come De Luca o Martinelli, alle tradizioni musicali abruzzesi, agli strumenti e ad altri interessanti ambiti della storia musicale».

 

Per ascoltare ed assistere al concerto basterà collegarsi al canale youtube dell’Istituto Nazionale Tostiano.

 

Hanno collaborato alla realizzazione delle iniziative Diana de Francesco e Gianfranco Miscia. La Film Art Edition di Giuseppe Piccinino si occuperà delle riprese video. Tutte le informazioni e approfondimenti inerenti agli eventi saranno reperibili sia sul sito dell’Istituto Nazionale Tostiano che sulla relativa pagina Facebook.