cultura >> Storia e cultura >> La giudice. Una donna in magistratura

Editoriali

Guida TV

La giudice. Una donna in magistratura
La giudice. Una donna in magistratura

Chieti, 16 dicembre 2012 - Paola Di Nicola è una giudice come lei stessa ama definirsi nel titolo del suo libro d’esordio.

Oggi, sabato 15 dicembre alle 17.30 presso il museo d’Arte C. Barbella in via C.De Lollis 10 a Chieti, Paola Di Nicola, giudice presso il Tribunale penale di Roma presenterà il suo saggio dal titolo: “La giudice. Una donna in magistratura”.

L’opera racconta cosa significhi essere donna-magistrato (oggi quasi un magistrato su due è donna) in una realtà sovrastata da schemi culturali ancora tipicamente maschilisti, in barba all’articolo 3 della Costituzione italiana che stabilisce per i cittadini pari dignità sociale davanti alla legge, senza distinzione di sesso.

L’autrice approda alla conclusione che per le donne, non sia tanto importante arrivare a ricoprire ruoli apicali quanto «esserci con il coraggio e la consapevolezza del proprio diverso punto di vista, dopo averlo focalizzato e valorizzato».

 

«La giudice  è un libro temerario, la cui candida onestà finisce per diventare provocatoria», dice Melania Mazzucco nella prefazione al testo, «è una sorta di diario in pubblico, un’autobiografia in cui si mescolano la camera di consiglio e la cucina, l’autobus e il tribunale, il ticchettio di un paio di scarpe coi tacchi e il clangore metallico delle chiavi del carcere, la filosofia e la tipografia, il corpo del reato e il corpo del giudice, la divisa e la toga. Ma è anche la cronaca giudiziaria della nazione che è stata la culla del diritto, e in cui le sentenze dei tribunali hanno spesso scritto la storia del costume, del pregiudizio, del progresso sociale, del suo arresto o regresso».  

Durante la presentazione del libro interverranno Vito D’Ambrosio, magistrato presso la Procura Generale della Corte di Cassazione e Grazia Succimarra scrittrice, regista e attrice.