cultura >> Storia e cultura >> UN AMICO IN +: Giovani Croce Rossa Italiana per l’inclusione sociale

Guida TV

UN AMICO IN +: Giovani Croce Rossa Italiana per l’inclusione sociale
UN AMICO IN +: Giovani Croce Rossa Italiana per l’inclusione sociale

Capagatti, 8 giugno 2013 - Da più di 150 anni Croce Rossa Italiana è impegnata quotidianamente per prevenire e alleviare la sofferenza umana, contribuire al mantenimento della dignità, dello sviluppo dell’ individuo, promuovendo e incrementando l’inclusione sociale.  “Favoriamo il supporto e l’inclusione sociale “, per il raggiungimento di quest’obiettivo, i Giovani C.R.I. dell’Unità Territoriale di Torre de’ Passeri, portano avanti da sei mesi il progetto “UN AMICO IN +”. Questa iniziativa è stata intrapresa dopo un’attenta analisi del territorio e dei bisogni. Durante questa rilevazione i Volontari hanno riscontrato la presenza di molti ragazzi diversamente abili.

Scopo della iniziativa è favorire l’integrazione dei ragazzi attraverso lo sviluppo delle loro potenzialità in ambito extrascolastico: nelle relazioni, nella socializzazione, potenziare l’autostima e favorire il processo di autonomia. Facilitare e incrementare le attività di laboratorio e le uscite anche ludico-ricreative oltre che formative. Agli incontri partecipano 8 giovani diversamente abili residenti nel territorio di Torre de’ Passeri e dei comuni limitrofi.

Gli appuntamenti sono mensili e ognuno è caratterizzato da un tema differente: dalla conoscenza della Croce Rossa e dei Principi Fondamentali del Movimento Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa, ai laboratori creativi e alle uscite. Come ultimo incontro della stagione è stata programmata una visita guidata all’ orto Botanico di Sant’ Eufemia a Majella. La visita avrà luogo domenica 9 giugno e la partecipazione è stata aperta non solo ai ragazzi, ma anche alle loro famiglie e alla popolazione. L’obiettivo è quello di creare un momento di aggregamento che possa favorire l’ inclusione sociale, attraverso un’uscita alla scoperta delle bellezze del Parco Nazionale della Majella. L’appuntamento è stato organizzato in collaborazione con “Gli Archetti”, associazione socio-culturale costituita da volontari che opera nel territorio di Torre de’ Passeri promuovendo momenti di aggregazione basati sulla promozione della cultura.la visita dell’Orto Botanico si include in un progetto iniziato a Dicembre 2012, ma di cui i Volontari hanno cominciato  a tessere le fibre con il loro cuore e con la loro creatività da molto più tempo. Condividere quest’esperienza è l’esempio di come l’inclusione sociale possa esistere nella realtà e non solo nei manuali. Le soste, l’andamento a volte più lento per rispettare i tempi di tutti, ha permesso ai Volontari di imparare a vedere nuovi dettagli e di accrescere il proprio bagaglio non solo di Volontario, ma anche umano.