cultura >> Storia e cultura >> Mostra fotografica di Tracanna al MuMi di Francavilla

Editoriali

Guida TV

Mostra fotografica di Tracanna al MuMi di Francavilla
Mostra fotografica di Tracanna al MuMi di Francavilla

Francavilla al mare, 7 dicembre 2011 - Dal 10 al 18 dicembre al Museo Michetti di Francavilla al Mare si terrà una mostra del fotografo Giuseppe Tracanna. Le opere esposte, volte verso la concezione della Fotografia come vera e propria forma d’arte anche attraverso il connubio con la Pittura ed il Disegno, sono  tutte realizzate utilizzando la tecnica della stampa ai Sali d’argento, fiore all’occhiello del maestro atriano.

L’inaugurazione della mostra è patrocinata dal Comune di Francavilla  al Mare ed è a cura dell’associazione culturale Motus con la collaborazione con l’associazione Fotografacendo, ci sarà il prossimo sabato 10 Dicembre ore 18:00 alla presenza del sindaco Antonio Luciani e dell’assessore alla Cultura Pina Rosato. Inoltre all’inaugurazione ci sarà l’intervervento dell prof. Nerio Rosa e la storica d’arte Manuela Valleriani e lo stesso Tracanna. L’associazione Fotografacendo ha fatto sapere che è in programma, sempre in collaborazione con la Motus, una serie di incontri aperti alla cittadinanza a chiunque sia interessato, cui prenderanno parte il maestro Giuseppe Tracanna e il giovane fotografo Vittorio D’Alberto, volti a promuovere la fotografia in tutte le sue forme espressive. Le associazioni Motus e Fotografacendo ringraziano l’amministrazione comunale, in modo particolare l’assessore alla Cultura Pina Rosato e il sindaco l’avv. Antonio Luciani, per il loro sostegno.  
«Sono molto contento di questo evento - sostiene l’avv. Michele Accettella, presidente dell’associazione culturale  Motus da poco costituita - un evento organizzato con grandissimo sacrificio da parte di tutti e collaborando con un’altra associazione la Fotografacendo; mi preme sottolineare quest’ultimo aspetto perché voglio insistere sul fatto che nella nostra associazione non deve esserci spazio per campanilismi o diritti di paternità, ma tutto deve nascere grazie e all’unione e alla collaborazione comune. Un evento, quindi, di grandissimo impatto sociale e connotato da uno spirito fortemente culturale, che è poi lo scopo della nostra Associazione, volto anche rilanciare strutture di valenza storica e culturale della nostra città, qual è il MuMI, e a creare i presupposti per una sempre maggiore partecipazione dei cittadini alla vita della comunità e a tutte le sue straordinarie risorse».

Francesco Rapino