cultura >> associazionismo >> PROCLAMATI I VINCITORI

Editoriali

Guida TV

PROCLAMATI I VINCITORI
PROCLAMATI I VINCITORI

Lanciano, 25 ottobre 2020 -

L’agenzia Scribo ha decretato i vincitori del Premio “Scribo in Giallo”, concorso letterario, organizzato dalla stessa agenzia, dedicato a racconti inediti di genere giallo.

 

I racconti partecipanti dovevano contenere nella trama, come elemento imprescindibile, Villa Sirena, intesa come luogo reale (lo spazio dove si svolge annualmente la Rassegna letteraria organizzata da Scribo) o di fantasia. Ecco i risultati definitivi:

I classificato: "A ogni festa comandata" di Paola Cerri (Gropparello - PC)

II classificato: "Lo stanzino di Clorinda" di Francesca Santi (Livorno)

III classificato: "Niente, non c'è niente" di Stefano Angelucci Marino (Lanciano - CH)

La giuria ha deciso altresì di segnalare "Dopo la parola morte ci vuole un punto" di Raffaele Rosato (Lanciano - CH) per l'originalità del racconto.

Come da bando, non è prevista la cerimonia di premiazione, ma Scribo organizzerà nel mese di novembre un incontro on-line con i vincitori e i segnalati per dare visibilità ai racconti premiati e ai relativi autori.

“Ci piace che il nostro Premio di genere cada, per pura coincidenza, nell’anno in cui si celebrano i cento anni dalla nascita di Hercule Poirot, il celebre detective belga nato dalla penna inimitabile di Agatha Christie” affermano Giuseppina Fazio e Nicoletta Fazio, titolari di Scribo. “Siamo soddisfatte della qualità dei racconti pervenuti da ogni parte d’Italia e ringraziamo tutti gli autori partecipanti per la fiducia che ci hanno accordato. Il giallo si conferma un genere molto amato da lettori e scrittori e rappresenta di sicuro, specialmente in questo periodo segnato dalla pandemia, un modo per evadere dalla realtà, lasciandosi trasportare dalla suspence e dal mistero”.

 

CHI SONO I VINCITORI


Prima classificata: Paola Cerri è nata nel 1962 a Piacenza e cresciuta entro le mura antiche della città, da qualche tempo vive in collina, dove è più facile cogliere il susseguirsi delle stagioni e vedere passare le nuvole. Abita con il marito, un figlio ormai grande e una gatta quindicenne, ma ancora arzilla. Laureata in lettere, è stata archeologa e insegnante, mentre oggi è impiegata nella minuscola impresa familiare. Ama l’arte di tutte le epoche, ma predilige quella antica ed è attratta da miti, leggende e storie del passato. Appena può legge romanzi di ogni genere, con una certa propensione per il noir, e scrive per sentirsi felice. Ha collaborato ad alcune antologie collettive e in particolare, grazie all’editrice Officine Gutenberg, a due volumetti riguardanti misteri e curiosità del territorio piacentino hanno il suo nome in copertina.

 

Seconda classificata: Francesca Santi nasce a Livorno nel 1978, città dove tuttora vive e lavora.  Dopo essersi diplomata alla Scuola Internazionale di Comics di Firenze, si laurea a Pisa in Letteratura Francese.  Dal 2008 al 2014 si dedica quasi esclusivamente alla sceneggiatura: vince Lanciano nel Fumetto con la storia breve “Senza parole”; pubblica la miniserie “Loumyx” con la casa editrice francese Clair de Lune; la graphic novel “Nelle lande dei giganti” con BD (vincitrice del Lucca Project Contest nel 2010) e il primo volume della saga “Alo du Vent” con Sandawe. In seguito, scrive il suo primo romanzo – Nel Loft – che ottiene una menzione speciale per la regione Toscana al premio La Giara; pubblica il thriller “Histoire Noire” con Genesis Publishing (sotto lo pseudonimo di Norman Evans), il libro per bambini “Le fate in fondo al giardino” con Apollo Edizioni e storie brevi su varie antologie (tra le quali “Horror Storytelling” della Watson Edizioni). Nel 2019, è finalista del concorso. Il battello al vapore, promosso da Piemme, con il romanzo per bambini “A tutto gol” e del premio GialloLuna NeroNotte con il noir “Uova alla paprika dolce”. Nel 2020, il suo racconto “Cuor di castagno” è selezionato da Radio1 Plot Machine e pubblicato per Rai Libri, vince il premio Thriller Café con “Turno di notte” e pubblica alcune storie brevi sulle riviste “Malgrado le mosche” e “Narrandom”.


Terzo classificato: Stefano Angelucci Marino (in foto) è attore, regista, autore, organizzatore teatrale e libraio.