economia & lavoro

Editoriali

  • ELEZIONI VICINE

    Con l’impegno vero si può tornare alle urne con la garanzia del bene vincente, di un esito giusto e legittimo.

  • LA MISSIONE

    Il vero impegno nella verità e nell’amore

  • LA #POLVERIERA

    Il profondo mistero della condizione umana che disarma ogni buona intenzione.

Guida TV

LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE

LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE

Pescara, 18 novembre 2017 -

Quattro scuole, quattro aziende, otto testimonials e oltre 200 studenti per l’VIII edizione del PMI DAY, la Giornata nazionale dell'orgoglio delle Piccole e Medie Imprese.

Si è conclusa ieri l’VIII edizione del PMI DAY che, come da tradizione, si è inserita nell’ambito della Settimana della Cultura d’Impresa organizzata annualmente da Confindustria e della Settimana Europea delle Pmi promossa dalla Commissione Europea.

“Notevole entusiasmo per la manifestazione che ha avuto l’obiettivo di avvicinare i giovani alla cultura d’impresa e far conoscere la passione e le competenze che appartengono al mondo produttivo” è stato il primo commento del Presidente del Comitato Piccola Industria Chieti Pescara Enrico Perticone.

Il filo conduttore dell'intero evento è stato la Lotta alla Contraffazione, piaga che sottrae ricchezza al Paese, danneggia le nostre produzioni, alimenta il lavoro sommerso e il circuito dell'illegalità, mettendo a rischio la salute dei cittadini. La manifestazione ha previsto la visita di quattro importanti realtà produttive del settore moda che si scontrano quotidianamente con la problematica della Lotta alla Contraffazione e che con orgoglio e tenacia difendono il fare impresa: BOND FACTORY srl di Chieti Scalo, la DE CECCO CONFEZIONI srl di San Giovanni Teatino, PIANETA FORMAZIONE srl di Pescara e la SIAC FASHION srl di Chieti Scalo.

“Prova tangibile del successo dell'evento è stata la grande attenzione dimostrata dagli studenti partecipanti” ha così commentato il Vice Presidente del Comitato Piccola Industria Chieti Pescara Francesco D’Angelo, “interessati ad apprendere meglio cosa è il sistema-impresa e nello specifico come l’acquisto di beni contraffatti possa avere delle così pesanti ripercussioni negative”.

“Oggi diventa sempre più importante ragionare insieme sui concetti di "cultura di impresa e cultura della legalità” che devono costituire un impegno ed un patrimonio di tutti i settori della società - ha incalzato Enrico Perticone “per comprendere meglio le reali dinamiche che stanno alla base dell'iniziativa imprenditoriale ed anche il ruolo etico che le aziende ricoprono per lo sviluppo della società”.

“Questa ottava edizione è stata un’ulteriore testimonianza della volontà degli imprenditori di aprire un dialogo nuovo con i giovani – ha affermato il Presidente Regionale della Piccola Industria, nonché referente Abruzzo e Molise per il PMI DAY Giuseppe Agirò – anzi ha contribuito alla promozione di un contesto favorevole all’imprenditorialità, un processo culturale di legittimazione del ruolo dell’impresa nell’economia e nella società.”

Il PMI DAY – la cui realizzazione è stata resa possibile anche grazie al contributo tecnico di GELDI’, SANBENEDETTO e TEMPOR e dal sostegno di VALAGRO - è stata un’occasione di approfondimento per spiegare ai giovani, al di là dei loro percorsi formativi, il valore delle piccole imprese e il contributo che esse danno allo sviluppo del Paese creando ricchezza e occupazione.

 

CHIUSURA HONEYWELL

CHIUSURA HONEYWELL

Lanciano, 17 novembre 2017 - Le segreterie provinciali e regionali della Fiom e della Cgil esprimono tutto il loro disappunto per la decisione assunta dalla Honeywell, determinazione che prevede la chiusura dello stabilimento di Atessa.  Dopo sessanta giorni di sciopero con presidio, dopo così tanto tempo trascorso ad attendere un piano di rilancio del sito produttivo di Atessa, i progetti della Honeywell non cambiano e si decide di colpire al cuore un intero territorio che da sempre considera la Honeywell il fiore all’occhiello dell’industria locale.

 

L’ERA DEL CROSS INDUSTRY

L’ERA DEL CROSS INDUSTRY

Legalità, uomo, manifattura, innovazione. Al via il XII forum del comitato interregionale giovani imprenditori del centro. Per la prima volta in Abruzzo. A Pescara due giorni dedicati alla convergenza industriale e all’innovazione

L’Aquila, 16 novembre 2017 – Cambiano i confini tradizionali dell'imprenditoria in Italia, cambiano in funzione di un'idea di innovazione che riguarda ogni area del mondo aziendale. È la 'convergenza industriale' che genera un nuovo modello operativo, offrendo formidabili opportunità di crescita.

 

EATALY WORLD LANCIA FICO

EATALY WORLD LANCIA FICO

A Bologna apre la “Disneyland del cibo” tra mucche, fattorie e ristoranti: la Fabbrica Italiana Contadina. Jubatti Carni, storica azienda Abruzzese, selezionata come ambasciatrice dell’arrosticino.

Bologna, 11 novembre 2017 - Si è tenuta la presentazione ufficiale alla stampa di FICO - la Fabbrica Italiana Contadina - che aprirà i battenti al pubblico il prossimo 15 novembre. Il patron di Eataly, Oscar Farinetti, ha dichiarato: "Partiamo dalla tradizione, la nostra diversità agroalimentare è unica al mondo”.Fico, il più grande parco agroalimentare del mondo - con 10 ettari di estensione e 150 aziende del food italiano coinvolte - che aprirà il prossimo 15 novembre a Bologna e che sarà, nell’intenzione dei promotori, un’autentica Disneyland del cibo italiano, ha scelto un’azienda storica abruzzese che opera dal 1945 ai piedi della Majella, Jubatti Carni, per far scoprire ad una platea internazionale quello che, seppur dalle origini antiche, sarà lo street food del futuro: l’arrosticino.

 

DONNE IMPRENDITRICI

DONNE IMPRENDITRICI

Pescara, 10 novembre 2017 - Le nuove opportunità che si aprono per le imprenditrici agricole ma anche le nuove prospettive della filiera corta in un settore in cui le donne sono sempre più protagoniste: sono solo alcuni dei temi trattati nell'incontro di Coldiretti Donne Impresa Abruzzo che si è tenuto mercoledì scorso nella sede sociale di Coldiretti, per discutere e confrontarsi sullo sviluppo del settore.

All'incontro ha partecipato il presidente di Coldiretti Abruzzo Domenico Pasetti, il direttore regionale di Coldiretti Abruzzo Giulio Federici e la responsabile regionale delle di Coldiretti Donne Impresa Manuela Vellante.

“Mai come oggi le donne si sono sentite protagoniste dell’attività agricola - ha detto la Vellante - Non semplicemente mogli o sorelle o madri che danno il proprio supporto nella gestione dell’azienda di famiglia ma vere e proprie imprenditrici che curano direttamente la propria impresa sempre più strutturata e al passo con i tempi. Oggi più che mai l’impegno delle imprenditrici è importante e non si limita semplicemente all'aiuto del coniuge ma riguarda anche la gestione di aziende agricole complesse e strutturate”.

Nel corso dell’incontro è stato tracciato il bilancio delle ultime iniziative fatte nel mercato di Campagna Amica, che hanno visto il coinvolgimento di numerose donne imprenditrici, e si è parlato della sempre maggiore presenza di donne nell'interno delle imprese e a capo delle stesse. In particolare, analizzando i dati Unioncamere elaborati da Coldiretti, emerge che in Abruzzo su un totale di 147.846 imprese (appartenenti a tutti i settori) ben 38.162 sono a titolarità femminile con un indice del 25,81% che sale addirittura al 30,80% nel caso di imprese gestite da giovani.foto  La Dolce Vita Magazine

 

RAPPORTO SVIMEZ

RAPPORTO SVIMEZ

Pescara, 9 novembre 2017 -

Una regione poco attraente e competitiva, alle prese con un'insicurezza di fondo e che, dunque, ha bisogno di una spinta decisa per tornare a crescere in maniera solida e costante. È l'analisi di Michele Lombardo, segretario generale Uil Abruzzo, all'indomani della presentazione del Rapporto Svimez. "A fronte di un reddito pro capite e di un'occupazione sostanzialmente rimasti stabili - commenta - siamo in presenza di un Pil che arretra e di una propensione al risparmio che torna a crescere.

 

IL SIGNOR MAICO

IL SIGNOR MAICO

Pescara, 7 novembre 2017 - Da sessant’anni a capo di una delle aziende più conosciute di Pescara, ogni giorno pronto ad accogliere i suoi tanti clienti. E di andare in pensione proprio non ne vuol sapere. Dal 1957 ad oggi Serafino Menzietti, detto Nino, è per tutti il “signor Maico”. Una vita spesa per il lavoro, che alla fine è diventato la sua seconda casa.

E la Confindustria di Pescara vuole festeggiare questa storica ricorrenza assegnandogli un premio alla carriera, in occasione dell’evento “Campioni di InnovAzioni”, dedicato alle piccole e medie imprese che si sono distinte per progetti nel campo delle startup tecnologiche e di innovazione, in programma venerdì 10 novembre, alle 17.30 all’Aurum di Pescara. In quella sede Menzietti sarà premiato insieme a Brunello Cucinelli della Cucinelli Spa e Sebastiano Caffo della Distilleria Caffo Srl, come imprenditore che da oltre mezzo secolo lavora con impegno e dedizione per la comunità pescarese.

Era giovanissimo, aveva appena 19 anni Nino, quando nel novembre del ‘57 iniziò a lavorare alla Maico di Pescara, che ai tempi si trovava nella prima storica sede in corso Umberto. Era un ragazzo determinato, tanto che da subito si mise in mostra per la sua lungimiranza nelle scelte aziendali. Dopo qualche anno da dipendente, infatti, nel 1964 arriva la svolta della sua carriera di imprenditore: la Maico Italia fallisce e c’è bisogno di qualcuno che rilevi l’azienda per portarla a nuova vita.

Rinunciano tutti, spaventati dalle difficoltà economiche. Si fa avanti solo lui. E con mille sacrifici, nel giro di qualche anno apre il primo storico negozio a suo nome in via Nicola Fabrizi, per poi spostarsi nel 1996 nell’attuale sede di corso Vittorio. Oggi il gruppo Menzietti, guidato dal figlio Mauro e dal genero Antonio, conta 8 aziende in Italia, 24 negozi e oltre 100 collaboratori. E da semplice negozio, l’azienda oggi ha allargato i propri interessi ad ambiti più ampi, come l’editoria, la dermocosmesi, la gestione immobiliare e il sociale, con l’evento “Nonno Ascoltami”, realtà fondata proprio dal figlio Mauro, campagna nazionale per la prevenzione contro i disturbi uditivi, che oggi viene celebrata in 36 città italiane come esempio di sanità sociale virtuosa.

Un periodo da ricordare questo per il fondatore Nino, che oltre ai 60 anni di Maico, ha recentemente festeggiato 50 anni di matrimonio con la moglie Gabriella Salvatore, pilastro della famiglia, e festeggerà a gennaio i suoi 80 anni insieme ai suoi nove nipoti, sempre presenti in queste occasioni.

 

ABRUZZO A BIOLIFE 2017

ABRUZZO A BIOLIFE 2017

Biolife, la vetrina dell’eccellenza biologica regionale per produttori medio-piccoli, provenienti dall’Italia e dall’estero torna dal 9 al 12 novembre nel quartiere fieristico di Bolzano

 

NEI PARCHI NAZIONALI

NEI PARCHI NAZIONALI

Cresce più della media italiana il numero di posti letto negli alberghi nei parchi nazionali italiani. L’incremento del 18,3% rispetto al 16,4% delle altre aree del paese conferma la vocazione turistica dei parchi, che hanno assistito ad una crescita costante delle presenze turistiche. Da nicchia, il turismo naturalistico si è ormai affermato come un vero e proprio segmento di mercato. Nei parchi nazionali si concentrano oltre 9.700 strutture ricettive, corrispondenti al 7,7% dei posti letto disponibili a livello nazionale. Un settore in decisa crescita, che necessita di essere indagato e approfondito per indirizzare le politiche pubbliche e orientare in modo strategico gli investimenti privati.

ondenti al 7,7% dei posti letto disponibili a livello nazionale. Un settore in decisa crescita, che necessita di essere indagato e approfondito per indirizzare le politiche pubbliche e orientare in modo strategico gli investimenti privati. Questo è quanto è emerso dalla presentazione della nota di indagine mensile di E-Data, spin off dell’Università di Teramo. Nel corso dell’incontro, presso il centro visita del Parco Nazionale d’Abruzzo a Pescasseroli, sono intervenuti tra gli altri Andrea Ciccarelli, fondatore di E-Data, Antonio Carrara, Presidente del Parco e Antonio Di Santo, presidente della Comunità del Parco, organo che riunisce i sindaci dei comuni interessati.

A livello italiano, nella classifica per numero medio di stelle delle strutture alberghiere nei 25 parchi nazionali, svetta al primo posto l’Alta Murgia con 3,6 stelle di media, seguono Aspromonte e Gennargentu. Al quarto posto il parco dell’Arcipelago della Maddalena fa registrare il maggior incremento, in risalita di ben 16 posizioni rispetto al 2002. Anche l’Isola di Pantelleria mette a segno un’ottima performance risalendo dalla diciannovesima alla nona posizione. In Abruzzo, cuore verde d’Europa e regione con la maggior percentuale di superfice protetta in Italia, rimane invariato il numero medio di stelle del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, che vede però in termini assoluti un peggioramento di undici posizioni, attestandosi al diciottesimo posto, stante la crescita di qualità misurata in numero medio di stelle delle strutture delle altre grandi aree protette del Paese. Arretra di due posizioni anche il Parco della Majella, al quattordicesimo posto. Una posizione in meno anche per il Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, che scende al diciassettesimo posto.

Affiancando i dati sulla qualità delle strutture alla spesa turistica registrata sui territori, la nota evidenzia inoltre come ad una maggiore qualificazione dell’offerta si associno livelli mediamente più elevati di spesa. I valori maggiori di spesa non si manifestano solamente in relazione all’alloggio ma anche in altre voci come il viaggio, la ristorazione, i servizi, etc. Questo è testimoniato anche dal livello medio di stelle delle strutture ricettive dei parchi di 3,2, leggermente inferiore a al 3,3 della media italiana, cui corrisponde infatti una quota di spesa turistica intercettata, pari al 6,2% del totale, a fronte del 7,7% dei posti letto disponibili a livello nazionale.

 

FOTO   Confindustria Abruzzo

 

NUOVA MANAGERIALITÀ

NUOVA MANAGERIALITÀ

Pescara, 26 ottobre 2017 - Quest'oggi all’università Gabriele d’Annunzio di Pescara ed il 7 novembre all’università degli Studi dell’Aquila i docenti e gli studenti si incontreranno con Federmanager Abruzzo e Molise per parlare di nuova managerialità mettendo insieme i saperi e le conoscenze del mondo universitario con il saper

fare del mondo manageriale.