Guida TV

SENZA TUTELE
SENZA TUTELE

Pescara, 26 marzo 2020 - Il segretario regionale della Uiltemp Abruzzo, Maurizio Sacchetta, accende i riflettori su una categoria di lavoratori che in questi giorni di emergenza non si sta tirando indietro, pur non potendo contare su tutele e benefici vari: i lavoratori cosiddetti atipici.

“In questo momento così difficile che stiamo vivendo - dice Sacchetta - ci sono lavoratori che non hanno un posto stabile, e a cui non è permesso di scegliere tra andare al lavoro o restare a casa e tutelare la propria salute e quella dei propri familiari, anche godendo delle tutele messe in campo dai vari DPCM come congedi, ferie, permessi e via dicendo: parlo delle migliaia di lavoratori e lavoratrici in somministrazione nei vari settori del privato e del pubblico, di quelli che hanno un contratto a tempo determinato e di quelli che aspettano di essere chiamati in sostituzione anche per pochi giorni, per coprire molte volte le assenze di altri lavoratori che restano a casa utilizzando gli strumenti previsti dai vari DPCM. Si tratta di lavoratori che in questo scenario apocalittico senza precedenti stanno facendo il loro dovere, pur avendo le stesse paure di tutti noi, e senza lamentarsi e aspettando un rinnovo di contratto”.

Un ringraziamento doveroso da parte di Sacchetta “va ai tanti operatori sanitari in somministrazione: infermieri, oss, tecnici di laboratori e di radiologia, ricercatori e amministrativi. Questi lavoratori stanno lottando insieme ai lavoratori strutturati e volontari negli ospedali, molte volte senza avere nemmeno i dispositivi di protezione individuale (guanti, mascherine ecc) per difendersi dal coronavirus. La Uiltemp Abruzzo è, e sarà, vicina a questi lavoratori e si batterà affinché questo sacrificio venga riconosciuto dalle aziende e dagli enti, poiché la ripresa economica di tutto il mondo del lavoro, del dopo covid-19, sarà difficile lunga ed ardua. Ce la faremo se percorreremo la strada tutti insieme”.


Piergiorgio Greco