economia & lavoro >> Economia e lavoro >> FAREUROPA, PROGRAMMI EUROPEI

Editoriali

Guida TV

FAREUROPA, PROGRAMMI EUROPEI
FAREUROPA, PROGRAMMI EUROPEI

L'Aquila, 13 aprile 2019 -

Nelle giornate del 10 e 11 aprile, a L’Aquila presso la Sala “Ipogea” del Palazzo dell’Emiciclo –sede del Consiglio Regionale, si è svolto l’incontro del Comitato di Sorveglianza Unico POR FSE e POR FESR Abruzzo 2014-2020, organizzato dall’Autorità di Gestione unica FESR-FSE della Regione Abruzzo. L’iniziativa FarEuropa, Programmi europei: opportunità, persone e territori, ha preceduto il Comitato di sorveglianza dei programmi FESR e FSE e ha individuato propriamente il tema del lavoro e delle attività che vedono impegnati gli uffici regionali per l’attuazione dei programmi del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) e del Fondo sociale europeo (FSE).

Il Comitato di sorveglianza è un programma ricco di spunti e riflessioni, con l’obiettivo di indirizzare e attuare le strategie dei vari interventi per la proficua attuazione delle risorse europee. Il tema dello sviluppo economico-sociale richiama l’attenzione, dei professionisti e di chi è portatore degli interessi del territorio dato che l’allocazione delle risorse europee risulta determinante per la crescita e sviluppo di un determinato territorio. Il Comitato ha visto una nutrita e specifica partecipazione come gli Assessori della Giunta regionale, P. Fioretti e M. Febbo, i referenti della Commissione Europea, Cinzia Masina, Valentina Remida, Paolo Montini della Dg “Occupazione, Affari Sociali e Inclusione”, Luigi Nigri, della Dg “Politica Regionale e Urbana”, l’Autorità di Gestione Unica, Vincenzo Rivera, la Dirigente del servizio, Elena Sico, l’Autorità di Certificazione, l’Audit regionale, i rappresentanti della Coesione Territoriale, dell’Agenzia nazionale politiche attive del lavoro.

 

I soggetti cd. attuatori del POR FSE e FESR Abruzzo 2014-2020, s’incontrano nell’evento annuale dei programmi FESR e FSE Abruzzo 2014-2020, per la valutazione dell’attuazione dei processi compiuti nel conseguimento dei suoi obiettivi. A tale proposito, si tiene conto dei dati finanziari e degli indicatori comuni e specifici del programma, ivi compresi i cambiamenti nel valore degli indicatori di risultato e i progressi verso target quantificati, nonché di quelli intermedi definiti nel quadro di riferimento dell’efficacia dell’attuazione dei vari interventi. L’obiettivo dell’evento è stato in sostanza, di fare il punto sulla verifica dell’attuazione del Programma del POR FSE e FESR Abruzzo 2014-2020, con particolare riferimento ai Target finanziari e fisici conseguiti al 31.12.2018 comprensiva di Strumenti Finanziari e S3 (Smart SpecializationStrategy).

 

Il Comitato di sorveglianza del 2019 si è caratterizzato maggiormente rispetto all’edizione passata per il racconto diretto, da parte di soggetti che sono stati direttamente beneficiati dagli interventi del Fondo Sociale Europeo e del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, evidenziando di come gli interventi europei hanno inciso sulla vita dei cittadini e sulla crescita del territorio.

 

Gli Interventi FESR e FSE attuati sin ora attuati, sono stati evidenziati tramite il racconto diretto dei protagonisti o tramite proiezione video. Il FSE è presentato con gli Interventi riguardanti quelli di Garanzia Over - Tornare a lavorare a 50 anni (Asse I), di Abruzzo Include - Una Tutela per i cittadini (Asse II), degli Istituti Tecnici Superiori – Un mondo tutto da scoprire (Asse III) e di Comunicare per Proteggere Empowerment delle Istituzioni – Fare rete per rafforzare i servizi (Asse IV). Il FESR invece presenta altrettanti interventi interessanti come La sfida del futuro: i grandi progetti (Asse I), L’innovazione come motore di sviluppo: la banda ultra larga (Asse II), Un modello di sviluppo per le aree di crisi (Asse III), Tutela e valorizzazione delle risorse naturali e culturali: la Torre di Cerrano e il Progetto Havas (Asse IV) e Sviluppo urbano sostenibile. Materiale rotabile per una nuova mobilità (Asse VII).

 

L’edizione 2019, a differenza del Comitato dell’anno passato, è stato ulteriormente arricchito con il coinvolgimento pure delle scuole attraverso il tavolo tematico I giovani e l’Europa. Promuovere la politica di coesione tra le nuove generazione cui gli studenti, dell’Istituto “Savoia” di Chieti, del Liceo Scientifico “Vitruvio Pollione” di Avezzano, del Liceo Scientifico “Masci” di Chieti, hanno preparato proiezioni video e concorso di fotografia attinenti alla diffusione della politica di coesione della cultura europea. Altri aspetti rilevanti trattati all’incontro del Comitato di Sorveglianza riguardano l’informazione sintetica sull’azione per la parità di genere, le pari opportunità e la non discriminazione, dato che sono tanto sentite per via delle continue violenze che purtroppo, le donne continuano a subire. Altri elementi trattati e di considerevole importanza riguardano l’informativa sul progetto SISPRINT e l’analisi economica dei dati del territorio regionale (Agenzia per la Coesione Territoriale, Camera di Commercio di L’Aquila e Unioncamere) e altro.

 

L’incontro del Comitato di Sorveglianza è stato organizzato a L’Aquila infine, e non a Pescara, per la ricorrenza nel 2019, dei trascorsi dieci anni dall’avvenimento del terremoto del 06.04.2009. L’occasione dell’evento ha permesso di riflettere sulla tragicità che ha colpito la Città capoluogo dell’Abruzzo e di far conoscere e apprezzare, alcuni pezzi dell’inestimabile patrimonio culturale dell’Aquila ai membri del Comitato di Sorveglianza. I relatori e i partecipanti all’iniziativa per l’occasione sono stati invitati a visitare il Museo Nazionale d’Abruzzo – MuNDA di L’Aquila, presso Borgo Rivera. Il Museo, fiore all’occhiello della Città aquilana, ospita una selezione interessante di reperti archeologici, dipinti, sculture e oreficerie, dal Medioevo all’Età Moderna che testimoniano l’identità, la storia e la vitalità della cultura dell’intera Regione, alcuni dei quali recuperati tra le macerie del sisma del 6 aprile 2009 e restituiti a nuova vita grazie a complessi interventi di restauro.

 

Laura Florani