Archivio de "Notizie dal mondo" >> LIQUORE ALLA LIQUIRIZIA

Editoriali

  • I VERI PERICOLI

    Dal vanto dell’ipocrisia alla bizzarra intolleranza. Come si riciclano i vecchi tromboni democristiani … anche localii

  • SETTEMILIONI

    IL NOSTRO GIORNALE ON LINE SUPERA SETTE MILIONI DI VISITATORI UNICI

  • A CALDO

Guida TV

LIQUORE ALLA LIQUIRIZIA

La liquirizia è una pianta erbacea perenne, facile da trovare in natura e presenta numerose proprietà nutrizionali, ma soprattutto terapeutiche. Ha proprietà digestive, è antinfiammatoria, antibatterica, cicatrizzante, dissetante, espettorante, gastro protettiva, antivirale, antiulcera, epatoprotettiva. Attenzione però per chi soffre di PRESSIONE ALTA. Un consumo eccessivo della liquirizia con i suoi aromi e sapori invitanti e particolari, può causare qualche problema.

Il liquore alla liquirizia è un ottimo digestivo dopo un abbondante pasto serale.

 

INGREDIENTI per 1 litro di liquore:

  • 500ml di alcool a 90°
  • 600ml di acqua
  • 500 gr di zucchero
  • 50 gr di Radice di liquirizia tagliata finemente (in erboristeria)
  • 50 gr di liquirizia nera pura spezzatina (in erboristeria)
  • 5 chiodi di garofano
  • 1 stecca di cannella
  • Buccia di limone

PREPARAZIONE

Mettere in infusione per 10 giorni, IN UN RECIPIENTE CHIUSO, la radice di liquirizia con l’alcool, i chiodi di garofano, la cannella, la buccia di limone. Ogni giorno agitare la preparazione.                                                                                                                                                                                       Al decimo giorno, in una pentola alta, far sciogliere lo zucchero con l’acqua e far bollire. Unire la liquirizia nera, abbassare la fiamma e mescolare bene con un cucchiaio di legno. La liquirizia nera si deve sciogliere del tutto, ma fare attenzione che non deve incollarsi sul fondo della pentola. Questa liquirizia fa diventare il liquido più cremoso.

Completata questa operazione, far raffreddare completamente lo sciroppo ed unirlo all’alcool. Far riposare per dieci giorni.    Quindi, filtrare il preparato ed imbottigliare. Veramente gustoso e lascia la bocca profumata.

Luciano Pellegrini