Archivio de "Notizie dal mondo" >> LA COMMISSIONE EUROPEA PLAUDE AL LAVORO DELL’AUTORITÀ DI GESTIONE

Editoriali

  • I VERI PERICOLI

    Dal vanto dell’ipocrisia alla bizzarra intolleranza. Come si riciclano i vecchi tromboni democristiani … anche localii

  • SETTEMILIONI

    IL NOSTRO GIORNALE ON LINE SUPERA SETTE MILIONI DI VISITATORI UNICI

  • A CALDO

Guida TV

LA COMMISSIONE EUROPEA PLAUDE AL LAVORO DELL’AUTORITÀ DI GESTIONE
LA COMMISSIONE EUROPEA PLAUDE AL LAVORO DELL’AUTORITÀ  DI GESTIONE

Con nota Ares (2017) 1839369 - 2007CB16IPO001 “Valutazione della relazione annuale di controllo e parere annuale” la Commissione Europea ha fornito la valutazione positiva sul sistema di gestione e controllo del Programma IPA Adriatic CBC per l'annualità 2016. 

La Direzione Generale per la Politica regionale e urbana ha infatti esaminato la relazione di Audit di sistema trasmesse il 31 gennaio scorso dall’Autorità di Audit del Programma IPA Adriatic, dott. Sergio Iovenitti, e l’ha ritenuta conforme all’art. 105 del Reg. CE n. 718/2007 del Consiglio Europeo.

La valutazione premia così l’impegno dell’avv. Paola Di Salvatore che ha assunto l’incarico di Autorità di Gestione del Programma transfrontaliero IPA Adriatic dal marzo 2013 dopo le note vicende che hanno caratterizzato i primi anni di attività del Programma e che avevano portato alla sospensione dei pagamenti da parte della Commissione Europea a seguito delle gravi irregolarità relative alla precedente gestione del Programma, nelle annualità 2009, 2010, 2011.

Grazie al lavoro di ricostruzione documentale e all’impostazione di una nuova governance del Programma, durato quasi tre anni, nel febbraio 2016 la Commissione Europea ha sbloccato i fondi, dando atto al lavoro dell’Autorità di Gestione dell’adozione di azioni e misure correttive che hanno consentito a IPA Adriatic non solo di essere il primo programma a dare attuazione al piano di azione tecnica EUSAIR (la strategia della Commissione europea per l’area Adriatico-Ionica) attraverso il bando sulla capitalizzazione dei progetti, ma anche di essere considerato un virtuoso modello di gestione nell’ambito della Cooperazione territoriale europea per i 101 progetti finanziati che hanno coinvolto 751 beneficiari degli 8 Stati adriatici partecipanti al programma (Albania, Bosnia Herzegovina, Croazia, Grecia, Italia, Montenegro, Serbia e Slovenia).

“Siamo molto soddisfatti di questo ulteriore apprezzamento da parte della Commissione Europea – ha detto l’Avv. Paola Di Salvatore – che premia il complesso lavoro mirato al consolidamento del principio di affidabilità a livello europeo, grazie anche alla profonda sinergia lavorativa tra le Autorità del Programma e in particolare con l'Autorità di Audit rappresentata dal dott. Sergio Iovenitti”.