Archivio de "Notizie dal mondo" >> PASTA CON CREMA DI CIME DI RAPA

Editoriali

Guida TV

PASTA CON CREMA DI CIME DI RAPA

Una lunga e fastidiosa influenza mi ha allettato per circa due settimane. Finalmente guarito, considerata la poca affidabilità della montagna per le alte temperature, meglio dedicarsi alle ricette.  Propongo questa perché è facile, gustosa e con apporti benefici al nostro organismo.

La cima di rapa è un ortaggio ricco di vitamina A e C, sali minerali e sostanze antiossidanti con funzione anti-tumorale, oltre che di fibre .Le infiorescenze delle cime di rapa sono conosciute come  “friarielli”, usati per preparare piatti tipici della cucina napoletana, pugliese e romana. Sono teneri e quindi si cucinano in poco tempo. La cima di rapa si presta a molte ricette con la pasta, ai contorni, oltre che alla pizza rustica. Si può cucinare lessata o stufata con la pentola adatta.

Ingredienti per due persone:

·       Cima di rapa: mezzo chilo da pulire

·       Pasta: 160 grammi

·       Olio un cucchiaio

·       Sale q.b.

·       Peperoncino q.b.

·       Aglio uno spicchio

DIFFICOLTA’: Facile

PROCEDIMENTO

Eliminare i gambi e le foglie dure. Lavare le cime di rapa e cuocerle stufate con olio, aglio e peperoncino. Mettere a bollire una pentola dove lessare la pasta. Ho scelto il formato MAFALDINE, ma vanno molto bene anche i FUSILLI LUNGHI BUCATI. Quando la verdura è cotta, togliere l’aglio e il peperoncino e frullare. “Diventa una CREMA” Anche la pasta si è lessata, quindi scolarla, ma non dimenticare di mettere da parete un bicchiere di acqua di cottura. In un tegame antiaderente, versare la pasta, aggiungere la crema di cime di rapa e mescolare con il fuoco acceso. Se la pasta è troppo asciutta, aggiungere un po’ di acqua di cottura. Saltare il cucinato a fiamma bassa e fare attenzione che deve scivolare. Si può aggiungere un po’ di olio di oliva che rende più gustoso il preparato. Quando gli ingredienti si sono amalgamati, spegnere e riempire i piatti. Il parmigiano io non lo consiglio, ma se piace, va bene. Questo piatto deve essere accompagnato da un  corposo VINO ROSSO, il Montepulciano rosso abruzzese.

Luciano Pellegrini