Archivio de "Notizie dal mondo" >> MAFALDINE CON LA TRIGLIA O ROSCIÒLO

Editoriali

Guida TV

MAFALDINE CON LA TRIGLIA O ROSCIÒLO
MAFALDINE CON LA TRIGLIA O ROSCIÒLO

Chieti, 2 ottobre 2020 -

La triglia è un pesce pregiato di acqua salata. È contraddistinta da un dorso di colorazione rossastra, che viene maggiormente evidenziata dopo la cottura.

 

Le triglie hanno due vistosi BARBIGLI, (simile alla barba umana), vicino alla bocca, utilizzati per sondare la sabbia e i nascondigli tra le rocce, alla ricerca delle prede.

 

Ha carne bianca e saporita, che richiama in modo deciso il sapore di mare. Le specie più conosciute sono: la Triglia di scoglio, (più pregiata) e la Triglia di fango, (costa meno).

La triglia, come tutto il pesce azzurro, ha un alto contenuto di acidi grassi Omega 3, (449 mg), utile alla salute del cuore, alla vista e protegge dallo sviluppo della malattia di Alzheimer. È ricca di vitamina A, D, proteine, amminoacidi e minerali, come: magnesio, sodio, calcio, fosforo, potassio.

 

C’è un proverbio - “Fare l’occhio da triglia" - che significa: guardare con occhio seducente, da innamorato!

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

 

Mafaldine: 300 gr

Triglie:150 gr. Pulite

Polpa di Pomodoro: 300 gr

olio extravergine di oliva: 2 cucchiai

aglio: ½ spicchio

cipolla: 20 gr

farina: ½ cucchiaio

aromi: (aneto, coriandolo, origano) q.b.

pepe: q.b.

sale: poco

prezzemolo: q.b.

peperoncino: (facoltativo)

 

PROCEDIMENTO

Togliere le squame utilizzando un coltello. Tagliare le pinne laterali e superiore. Con le forbici, incidere il ventre fino alla testa. Eviscerare, eliminare le interiora e sciacquare sotto l’acqua corrente. Aprire le triglie a libro, togliendo la testa, rimuovendo la lisca e la coda. Con pazienza, togliere le spine rimaste conficcate nella polpa. Tagliare a pezzetti.

Far appassire in una padella con due cucchiai di olio, l’aglio e la cipolla, togliere e aggiungere le triglie a pezzetti. Far rosolare e unire il pomodoro e gli aromi. A fine cottura, mischiare la farina per rendere il sugo cremoso. Scolare le linguine al dente, trasferire nella padella e ripassare con un filo d'olio a crudo. Impiattare con una macinata di pepe e prezzemolo tritato. Portare in tavola.

 

Assaporare con il vino Trebbiano o Pecorino d’Abruzzo, piacevolmente freddo.

 

Luciano Pellegrini