Archivio de "L'opinione di Giustino" >> IL CONCORSONE DELLA SETTIMANA

Editoriali

Guida TV

IL CONCORSONE DELLA SETTIMANA

Alla ridicola e lugubre  manifestazione  che si è svolta ieri in Piazza Duomo a Milano dei “sovranisti europei - che in quanto tali difendono solo ed esclusivamente gli squallidi interessi del loro Paese a danno, ovviamente, degli altri e quindi sono un ossimoro in palese contraddizione – hanno risposto, gioiosamente, decine di migliaia di persone, con molti giovani e ragazze dai mille colori che hanno cantato, ballato, fatto piccoli girotondi in strada per chiarire che, pur con i cambiamenti necessari, il nostro futuro è nell'Europa più unita, più democratica, più progressista, più ambientalista.

In molti balconi e alla faccia del sovranista di casa nostra - il felp caporal minore meneghin nutelliano definito “Guappo di cartone peraltro scadente” dallo scrittore Erri De Luca- sono stati messi striscioni e lenzuola con scritte molto fantasiose che dimostrano, ancora una volta, che una grande risata, come si diceva nei ruggenti e mitici anni sessanta del secolo scorso, seppellirà il potere esercitato da alcuni “personaggetti” della cronaca dei nostri giorni che, in altre epoche storiche starebbero a friggere le patatine in qualche Mc Donald o a vendere gazzose, coca cola e semi di zucca sugli spalti dello Stadio San Paolo di Napoli.

A me, gli slogan che sono piaciuti di più, sono “Hai bloccato i barconi, non bloccherai i balconi”, “Chi di barconi colpisce, di balconi perisce”, “Populisti in Duomo a parlare, LA MADUNINA VORREBBE EMIGRARE”, “Tieniti i bacioni, dacci i barconi e i 49 milioni”, “Ridateci gli alpini e tenetevi Salvini”.

Il “Guappo di cartone peraltro scadente”, nel suo delirio di onnipotenza, ha lanciato un ridicolo concorso tra i suoi follower mettendo in palio, nientepopodimeno, la possibilità di poter parlare con lui e, per i più fortunati, la possibilità di avere una sua foto addirittura autografata che potrebbe, non si sa mai, valere milioni di € in una prossima asta per le cose inutili.

Io vorrei lanciare, fino al 26 maggio, il concorso per lo slogan più ironico e sferzante contro il capo politica della Lega ladrona che sta fomentando solo odio, paura, cattiveria, insicurezza ecc. proponendo che quello che avrà più successo, sarà utilizzato da tutti coloro che sono contro le idee xenofobe, omofobe, razziste e qualunquiste, verniciato e tenuto sui balconi fino alla caduta dell'attuale governo.

Che ne dite?

Giustino Zulli

Chieti, 19 maggio 2019