Archivio de "L'opinione di Giustino" >> Il doppio, triplo, quadruplo,quintuplo pesismo all’italiana

Editoriali

Guida TV

Il doppio, triplo, quadruplo,quintuplo pesismo all’italiana

“Noi chiediamo candidati nuovi. Servono dovunque candidati specchiati. Se uno ha il Comune in bancarotta, come fa a fare il governatore? E’ come candidare la Raggi a Presidente del Consiglio”.

Queste parole, molto impegnative, riportate il 22 ottobre scorso, quindi pochi giorni fa, correttamente virgolettate e mai smentite, da “Tuttoggi”, quotidiano on line dell’Umbria, non sono state pronunciate da Bersani, Speranza, Zingaretti ma da una persona che, notoriamente, è abituata a dire sempre la verità.

Il suo nome? Fanfaron de’ Fanfaronis, al secolo Matteo Salvini, capo indiscusso della Lega ladrona che in Umbria ha fatto ben 53 comizi (Zingaretti solo 15, Di Maio appena 8 ) a sostegno della candidata delle destre unite Donatella Tesei, senatrice della Lega, già Sindaca dal 2009 al 2019 del piccolo Comune di Montefalco (PG), 5581 abitanti, in dissesto finanziario con una montagna di debiti, con 11 milioni di € di residui attivi, 1,6 mln di € di disavanzo, 2 mln di € di anticipo di liquidità, come riportato dal citato quotidiano on line.

In parole povere, un piccolo Comune in bancarotta, come ha tuonato il Salvini.

La neo Presidente della Regione Umbria Donatella Tesei- che secondo le roboanti parole non doveva nemmeno essere candidata- le elezioni le ha stravinte con il 57,55% dei consensi, 20% in più dello sfidante sostenuto da Pd, LeU, M5s, risultando prima per i consensi in ben 86 dei 92 Comuni della Regione.

Questa indiscutibile vittoria della leghista, non inaspettata anche a causa delle vicende giudiziarie che hanno coinvolto la precedente Giunta regionale guidata da Catiuscia Marini, Pd, a me ha suscitato non pochi inquietanti interrogativi.

Perché?

Perché negli ultimi tempi ci sono stati gli arresti e le condanne dei Presidenti di alcune importanti Regioni del nord (Giancarlo Galan, berlusconiano, in Veneto e Roberto Cota, leghista piemontese che hanno avuto anche ruoli importanti nel governo nazionale); l’arresto del Sindaco leghista di Legnano Giambattista Fratus, del Sindaco di Apricena (FG), dell’ex Sottosegretario Armando Siri e dell’ex Vice Ministro Edoardo Rixi, leghisti di Lombardia e Liguria. In giro per l’Italia, molti sono gli esponenti leghisti che hanno avuto ed hanno ancora guai con la Giustizia come l’ex consulente di Salvini, Arata, ed ex consiglieri regionali in Sicilia e potrei ancora continuare.

Due ultime trasmissioni di “Report” andate in onda il 21 e 28 ottobre scorso, hanno dimostrato, con inoppugnabili documenti filmati e sonori, le strane riunioni alle quali hanno partecipato, a Mosca, all’Hotel Metropol, sia Gianluca Savoini, ex suo portavoce del quale in un primo momento aveva dimenticato persino l’esistenza, che Salvini e sono in corso inchieste della Magistratura su importanti forniture di gasolio russo con annesse presunte tangenti ( non ancora trovate ma l’inchiesta va avanti e vedremo come andrà a finire) per presunti finanziamenti ai sovranisti della Lega, diventati grandi ammiratori dell’ex capo del KGB Vladimir Putin, attuale capo del Kremlino.

Negli anni passati, molti ricorderanno le squallide vicende che hanno interessato anche la famiglia Bossi, i diamanti che sarebbero stati acquistati in Tanzania dall’ex tesoriere della Lega Belsito ecc.

La mia domanda, semplice semplice è: come mai tutte queste vicende, unite alle smargiassate in spiaggia di Salvini con l’uso improprio della moto d’acqua in dotazione alla Polizia di Stato utilizzata per far togliere un capriccetto al suo giovane figlio che si è fatto un bel giretto a nostre spese, non provoca alcuno sdegno, rabbia, riprovazione da parte dei tanti osannanti selfisti in bermuda ed elettori leghisti, mentre quando a commettere un errore anche di modesta entità è una persona di sinistra, a partire dai quotidiani tipo “La Verità”, “il Giornale”, “Libero” ecc. comincia il linciaggio mediatico con gigantografie, titoloni subito amplificati dalla demoniaca “Bestia” di Luca Morisi che provvede alla moltiplicazione, altro che i famosi pani e pesci, di tante fake-news?

Avendo esaurite le mie categorie interpretative, chiedo di essere aiutato a capire da chi ne sa certamente più di me.

Giustino Zulli

Chieti, 29 ottobre 2019