Archivio de "L'opinione di Giustino" >> COMPLIMENTI, SIGNOR MINISTRO

Editoriali

Guida TV

COMPLIMENTI, SIGNOR MINISTRO
COMPLIMENTI, SIGNOR MINISTRO

Chieti, 29 marzo 2021 -

Il Neoministro dell’Istruzione Bianchi ha fatto davvero una cosa a mio parere giustissima, dando mandato all’amministrazione di procedere alla revoca dell’incarico assegnato al prof. Pasquale Vespa, nominato consulente dal sottosegretario leghista Rossano Sasso, già segretario Provinciale UGL Scuola di Bari. Pasquale Vespa, dirigente della UIL Scuola, è stato denunciato dall’ex Ministra Lucia Azzolina, per due lunghi anni, stando alle sue dichiarazioni, perseguitata, pesantemente minacciata “con insulti e commenti di tutti i tipi per preparare la sanatoria dei concorsi per lui e i suoi amici.”

Il Vespa, sempre secondo la Azzolina (definita “cazzolina”, “bocca rouge” ed altri epiteti maschilisti e sessisti) “è un precario che vuole l’assunzione senza concorso e non ha voluto nemmeno partecipare a quello straordinario.” Per tutti i suoi insulti e le sue minacce, che hanno costretto la Azzolina a vivere sotto scorta, il Vespa è stato querelato ed il processo a suo carico inizierà il prossimo 9 aprile a Napoli e vedremo come andrà a finire.

 

Quello che intendo sottolineare, con queste note, è che il sottosegretario Sasso ha le deleghe contro il cyberbullismo e che, strafregandose altamente, per pura arroganza di potere ha chiamato al ministero chi questi fenomeni li dovrebbe combattere, non alimentare.

 

Il Sasso, per chi non lo dovesse conoscere, è il “personaggetto” politico (direbbe Crozza-De Luca) che, in vena di citazioni dotte, ha attribuito a Dante Alighieri – forse per partecipare dall’alto della sua immensa cultura alle celebrazioni del VII centenario della morte – la frase, credendo che facesse parte di uno dei tanti versi dell’Inferno, “Chi si ferma è perduto mille anni ogni minuto”. Il verso è giusto ma il povero Dante nulla c’entra perché è contenuto nel fumetto “L’Inferno di Topolino”, parodia in sei parti uscita dal n. 7 del 1949 al n. 12 del marzo 1950.

 

Dopo Lucia Borgonzoni ( la candidata sconfitta prima alle elezioni comunali di Bologna dal Sindaco Pd Merola e poi da Stefano Bonaccini, Pd, alle recenti elezioni regionali dell’Emilia Romagna ) promossa dal capo leghista Salvini “sottosegretario di Stato al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo”) leghista che si è vantata di non aver letto libri negli ultimi 3 anni nel corso della trasmissione “Un giorno da pecora” andata in onda il 2 luglio 2018 (quindi adesso gli anni sarebbero sei!), ora un altro leghista che ha ritenuto di poter perseguitare una Ministra in carica che l’ha, giustamente, querelato.

 

Italiani, coraggio! La cultura e il turismo sono state messe dal Salvini- che ha bisogno di fedelissimi non di capacissimi, davvero in buone mani.

 

Giustino Zulli

 

L'opinione di Giustino Zulli

I sapori dalle nostre tavole