Archivio de "L'opinione di Giustino" >> FIDUCIA NELLA SCIENZA

Editoriali

Guida TV

FIDUCIA NELLA SCIENZA
FIDUCIA NELLA SCIENZA

Chieti, 18 luglio 2021 -

Dal momento in cui abbiamo fatto la sgradita conoscenza del virus SARS COVID -19 ho cercato di capire i motivi che hanno portato molte persone a far parte dell’urticante esercito dei NO VAX, NO MASK e negazionismi vari che, nonostante i tanti morti in tutto il pianeta, gli ospedali al collasso con le terapie intensive allo stremo, le tante sofferenze personali e familiari, si sono rifiutate e purtroppo in molti continuano a farlo, di seguire le indicazioni della scienza che, pur tra tante difficoltà, ha indicato la via per cercare di ridurre al minimo, attraverso la vaccinazione di massa, i disagi di tante persone.

Chi sono questi soggetti?

 

E perché si comportano così?

 

A queste domande credo abbia dato una risposta un recente articolo del giornalista Edmondo Trevi pubblicato dal Corriere della Sera.

 

All’interno di un lucido ragionamento, Trevi ha scritto che “sono dei cretini, tendenzialmente fascisti, che nutrono sentimenti ingiustificati contro il sapere autentico, sostituito da notiziole, senza capo né coda, ricavate dal telefonino”, persone “che ignorano che l’essenza della democrazia è fidarsi di chi sa…consapevole che il sapere è una lenta conquista che costa lacrime e sangue, non una ricerca su google”.

 

Il virus SARS COVID-19, nel mondo, ha già contagiato 188.332.972 persone, con 4.063.453 morti. In Europa ci sono già stati 57.588.356 casi con 1.201.668 morti. In Italia, i casi sono stati 4.271.276 ei morti 127.775, numeri purtroppo destinati a salire dovunque, anche a causa delle continue “varianti”.

 

Per cercare di vincere questa battaglia, ridurre il numero dei contagi e delle morti, bisogna vaccinarsi ricorrendo anche, a mio parere, all’obbligatorietà.

 

Sono convinto che per partecipare alla vita sociale bisogna rispettare delle regole e penso anche che abbia fatto bene il Presidente francese Emmanuel Macron a varare nuove misure per fronteggiare l’aumento dei contagi trainati dalla “variante Delta”.

 

Chi vuole andare al cinema, al teatro, al ristorante, al centro commerciale, al bar ecc. deve avere il “pass sanitario” per evitare di contagiare gli altri.

 

Le recenti vicende che stanno interessando giovani italianai a Dubai, Grecia, Spagna, Portogallo, Malta ecc. debbono essere un severo monito per tutti per evitare di abbassare la guardia.

 

Io mi sono vaccinato e sono certo di aver fatto, con la mia famiglia, la scelta giusta e ritengo che i vari esponenti di quella destra a cui ha fatto riferimento Edmondo Trevi nel ricordato articolo, stiano confermando, ancora una volta, solo la loro natura di persone contrarie alla scienza, alla continua e demagogica ricerca di un consenso che si basa, soprattutto, sulla mancata conoscenza della verità.

 

Giustino Zulli

 

I sapori dalle nostre tavole