Editoriali

Guida TV

NO TUTTO
NO TUTTO

Chieti, 31 luglio 2021 -

Svastiche, ridicoli saluti romani, neonazisti che manifestano mostrando la stella di David che i loro avi utilizzavano durante la shoah per identificare gli ebrei da sterminare, i nipotini di Hitler che, con diversi rottami del neofascismo nostrano, parlano di “dittatura sanitaria” solleticando i più beceri istinti di un certo negazionismo, un delinquente comune che dovrebbe restare a casa che può tranquillamente arringare uno sparuto gruppetto di fanatici esaltati NO TUTTO in Piazza del Popolo a Roma e altrove, feccia neo nazifascista che va a manifestare sotto le finestre dell’abitazione del Sindaco di Pesaro Matteo Ricci, del Pd, e tante altre cose miserabili.

Queste, schematicamente ricordate, le ultime bravate di piccoli gruppi di esaltati, una minoranza rumorosa, a cui strizzano l’occhio la ducia romana ed uno di tanti pronipoti di tale Alberto da Giussano, capi di partito i cui parlamentari fanno scempio delle nostre istituzioni democratiche. Io sono tra coloro che non sottovalutano i pericoli di queste manifestazioni di piazza a all’interno delle nostre istituzioni democratiche e penso anche che nei confronti dei principali responsabili, palesi ed occulti, ci siano fin troppe timidezze.

 

In recenti manifestazioni di lavoratori scesi in campo a difesa del loro posto di lavoro perché licenziati con una mail, le forze dell’ordine hanno controllato le piazze e tutte le manifestazioni, pur avendo al loro centro motivazioni ben più nobili, si sono svolte nel massimo rispetto delle regole democratiche. Ascoltando i TG e leggendo i quotidiani, si viene a conoscenza che ci sarebbero state alcune decine di fermati e identificati. Ora, chiunque ha visto le immagini trasmesse da tutte le emittenti pubbliche private, ha potuto vedere che i manifestanti, pur non essendo tantissimi e comunque al di sotto degli obiettivi degli organizzatori, erano comunque superiori a “qualche decina di fermati e identificati!”

 

Queste sono, in larga parte, persone note alle varie forze dell’ordine: tutte o quasi senza mascherine, tutte o quasi senza rispettare le regole più elementari per evitare possibili contagi del coronavirus. Il diritto di manifestare, in una democrazia, è sacro ma chi vuole legittimamente esercitare questo diritto deve anche rispettare le regole e le leggi e chiunque pensi che sia la sua libertà ad essere messa in discussione non curandosi di quella altrui, deve essere chiamato a risponderne.

Io sono del parere che bisognerebbe rendere obbligatoria la vaccinazione per tutti coloro che, secondo gli scienziati e non gli sciamani di turno, debbono essere vaccinati e che anche il “passaporto sanitario”, il “green pass”, debba essere obbligatorio per poter svolgere le proprie attività senza mettere a rischio la salute degli altri.

 

Mi auguro che saranno prese le adeguate misure dall’attuale Governo che deve saper isolare e sconfiggere tutti coloro che, nella maggioranza ed anche nell’opposizione di destra stanno strizzando irresponsabilmente l’occhio ai NO VAX, NO MASK, NO PASS per lucrare qualche voto.

 

Ne va del nostro futuro.

 

Giustino Zulli                                       

 

I sapori dalle nostre tavole