Archivio de "L'opinione di Giustino" >> PROBLEMI D’IGIENE

Editoriali

Guida TV

PROBLEMI D’IGIENE
PROBLEMI D’IGIENE

Chieti, 6 settembre 2021 -

Nei giorni scorsi l’amministrazione comunale, unitamente ai rappresentanti di Formule Ambiente e di alcune organizzazioni di falconieri, ha dato vita ad una interessante e lodevole sperimentazione per cercare di risolvere, in maniera “pacifica”,  senza fare vittime, un problema che purtroppo interessa anche tantissime altre comunità: quello della presenza di volatili che, secondo madre natura, espletano le proprie funzioni fisiologiche senza preoccuparsi minimamente delle condizioni in cui lasciano strade, spesso scivolose, monumenti, auto ed anche tante persone spiacevolmente vittime dei loro  bombardamenti.

Ci sono anche problemi igienici perché gli escrementi dei piccioni, oltre ad essere esteticamente fastidiosi, sono anche pericolosi per la nostra salute. Quindi, l’auspicio è che falchi e poiane – che non uccideranno i piccioni ma solo spaventarli e farli volare altrove- riescano a risolvere un problema reale.

 

Da quanto ho letto in materia, non si conosce il motivo per il quale i piccioni “colonizzano” un particolare territorio all’interno di una città ma è proprio quello che succede nella nostra dove questi volatili hanno preso di mira, tra altri obiettivi, un punto preciso, un angolo di Piazza Martiri della Libertà, dove è collocata la lapide che ricorda i nomi di coloro che si sono sacrificati per la nostra Libertà pagando con la morte il loro sacrificio, rimanendo vittime delle follia nazifascista.

 

Sotto la lapide, si forma ripetutamente uno strato di guano che è sempre stato  pulito dai volontari dell’ANPI che, consapevole di non avere, nonostante la buona volontà, l’attrezzatura necessaria per una adeguata pulizia del sito, alcuni anni fa, pose il problema all’allora assessore all’ambiente chiedendogli di intervenire nei confronti di chi era preposto alla pulizia della città, tenendo conto che si trattava anche di decoro urbano.

 

La nostra sollecitazione fu accolta e ogni venerdì, dopo aver provveduto alla pulizia del Corso Marrucino dove si svolge il mercato settimanale, con idropulitrici ed altre attrezzature necessarie, il sito dove è collocata la lapide contenente i nomi dei tanti giovani Partigiani che persero la loro vita combattendo contro nazifascisti, è stato tenuto nella massima pulizia.

 

Dopo le ultime elezioni amministrative, per cercare di risolvere definitivamente i problemi del sito, alcuni rappresentanti dell’ANPI hanno interessato esponenti della nuova amministrazione.

 

Sono stati inviati due operai sul posto per esaminare le cose da fare ma, dopo il sopralluogo, nessuno ha fatto sapere più nulla e solo il 24 aprile scorso  è stata richiesta la chiave del cancelletto, da parte di un dipendente comunale, per provvedere alla collocazione di due vasi di fiori, dopo che i militanti e volontari dell’ANPI, per l’ennesima volta, avevano provveduto alla pulizia e tinteggiatura del sito, dovendo il Sindaco della città partecipare il 25, 76esimo anniversario della Liberazione, alla manifestazione che annualmente l’ANPI cittadina organizza per ricordare degnamente l’eroica lotta di Liberazione nazionale dal nazifascismo.

 

In quell’occasione, i dirigenti dell’ANPI, oltre a  riproporre il tema dell’intitolazione di una Piazza o di una Via alla Repubblica, di cui la città è sprovvista, risollevarono anche il problema del decoro del sito che, ad oggi, si trova nelle condizioni che le foto documentano.

 

Ora, l’augurio è che una volta ripulita nuovamente tutta l’area del sito, falchi e poiane diano un contributo anche per la definitiva soluzione della presenza dell’antiestetico, maleodorante guano,  anche pericoloso per la salute, e ristabilire il giusto decoro di una centralissima Piazza cittadina. Ma sarebbe opportuno continuare anche nella pulizia settimanale del sito da parte di Formula Ambiente, ripristinando quanto già si faceva.

 

La chiave del cancelletto che  è stata richiesta è stata consegnata a chi di dovere.

 

Giustino Zulli, ANPI Chieti

 

I sapori dalle nostre tavole