Archivio de "L'opinione di Giustino" >> INTERVENTI POSSIBILI
INTERVENTI POSSIBILI
INTERVENTI POSSIBILI

Chieti, 19 novembre 2021 -

Il Sindaco della città e alcuni assessori hanno congiuntamente riferito di “avere fatto diversi sopralluoghi in varie parti della città per rendersi conto di persona delle situazioni che si sono venute a creare in seguito alle recenti piogge” assumendo, a giudizio di “Articolo uno”, dei generici impegni “a fare non subito tutto ciò che serve” ma solo “gli interventi possibili!”. Visto che è stato deciso di fare un calendario dei possibili interventi, “Articolo uno” propone di scrivere un cronoprogramma capace di stabilire, con date certe, l’inizio e la fine dei lavori, visto che siamo ormai entrati nella stagione non particolarmente favorevole per fare certi lavori a causa del possibile maltempo.

Allo stato attuale, come gli amministratori avranno sicuramente verificato, esistono diverse criticità, segnalate anche da molti cittadini: strade allagate e piene di buche, asfalto sbriciolato ed in alcune parti inesistente, insufficiente segnaletica verticale e orizzontale, strade prive di scivolo per chi purtroppo ha bisogno della carrozzella per potersi muovere ecc.

 

Ci sono anche  scuole ed altri luoghi che hanno bisogno di interventi ed altre diverse criticità da risolvere.

 

In attesa di ricevere dalla Regione ( ma siamo sicuri che con il suo solito dinamismo non mancherà il decisivo contributo del consigliere regionale Mauro Febbo ) “risorse ad hoc” per risolvere il problema dei fossi e controllare i tombini, “Articolo uno” sollecita la programmazione di questi lavori, ovviamente dando la priorità a quelli più urgenti, stabilendo date certe di inizio e fine dei lavori per poter poi valutare l’efficacia dei provvedimenti annunciati.

 

Il corretto rapporto tra amministratori e amministrati, a giudizio di “Articolo uno”, si dovrà misurare, più che sugli annunci, visto che già molti sono stati disattesi, innanzitutto sul rispetto dei tempi degli impegni che si assumono.

 

È chiedere troppo?

 

Giustino Zulli   

Articolo uno

 

I sapori dalle nostre tavole