sport >> Altri sport >> IL MIGLIO DI ROMA

Editoriali

Guida TV

IL MIGLIO DI ROMA
IL MIGLIO DI ROMA

Chieti, 15 maggio 2019 - Il team della "d'Annunzio" ha vinto per il secondo anno consecutivo la medaglia d'oro a “Il Miglio di Roma”. La squadra è stata organizzata dalla prof.ssa Angela Di Baldassarre, Presidente del Corso di Studi di “Scienze delle attività motorie e sportive”, con la collaborazione di Ruggero D'Anastasio, Daniela Burgassi e Andrea Di Credico.

Ne hanno fatto parte: Emiliano Faieta, Alessandro Miranda, Matteo Pio de Virgilio, Fabiana Bucci, Matteo Falcone, Mariateresa Manias e Antonio Giulio Ruggiero. Organizzata da ASD Atleticom, “Il Miglio di Roma” è una gara podistica che ripristina la storica tradizione romana del “Palio dei Berberi sulla distanza classica del miglio (1.609,34 metri), esattamente il tratto che separa Piazza Venezia e Piazza del Popolo. Patrocinata dal CONI, da Roma Capitale, e dalla Regione Lazio e inserita nel calendario nazionale FIDAL, “Il Miglio di Roma” è la gara di atletica su strada più importante in Italia sulla distanza dei 1.609 metri. Anche quest'anno l'evento, promosso dal Parlamento europeo e presentato da Fiona May, ha riproposto alle Università il “One Mile Minds”, il concorso di idee progettuali inerenti uno dei seguenti temi: sport & comunicazione; sport & società; sport & psicologia; sport & riabilitazione; sport & innovazione. Ogni team, oltre a cimentarsi nella corsa, ha dovuto elaborare un progetto che poi, sul palco di Piazza del Popolo, ha illustrato in tre minuti al pubblico e alla giuria. Il concorso dei risultati ottenuti in gara e di quelli ottenuti dal progetto hanno determinato la classifica finale che ha visto brillare la D'Annunzio giunta prima sia per il progetto sia per la corsa.

<Sono molto soddisfatta del risultato raggiunto - ha commentato la professoressa Angela Di Baldassarre - che corona l’impegno di questi studenti provenienti da diversi corsi di studi del nostro Ateneo. Si sono uniti allenando fisico e mente per questa prova che li ha visti competere e vincere prima nella corsa su strada e poi sul palco dove il gruppo ha dovuto illustrare davanti alla giuria e al pubblico il progetto di sport e comunicazione che hanno elaborato. Sono stati campioni nello sport e eccellenti nello studio >.

Promosso dal Dipartimento di Medicina e Scienze dell'invecchiamento della "d'Annunzio" di Chieti e Pescara, in collaborazione con l'Unità Operativa di chirurgia generale ad indirizzo senologico dell'ospedale "Bernabeo" di Ortona, il progetto "Allenarsi per la salute into the wild", coordinato dal dott. Andrea Di Blasio e che è stato presentato a Roma, ha lo scopo di indagare le relazioni esistenti tra stile di vita e salute in donne trattate per cancro alla mammella e, nello specifico, di scoprire se l'esercizio fisico svolto in ambiente naturale abbia effetti psicofisici diversi da quello praticato indoor o in ambiente urbano. Il coinvolgimento degli studenti del corso di studi in Scienze delle attività motorie e sportive si è canalizzato su due binari: lo studio della attività sportive adatte a garantire il wellness delle pazienti e la documentazione di ogni step del progetto per disseminare organicamente i risultati raggiunti. È stata anche organizzata una campagna di comunicazione integrata, interamente gestita dagli studenti del “Laboratorio Ufficio Stampa” del Corso di Laurea in Scienze Motorie, coordinati dai loro docenti, Marco Tontodonati e Daniela Burgassi.

Maurizio
Adezio