sport >> Altri sport >> IL MIGLIO DI ROMA

Editoriali

Guida TV

IL MIGLIO DI ROMA
IL MIGLIO DI ROMA

Chieti, 10 maggio 2019 - Anche quest'anno, con un team organizzato dalla prof.ssa Angela Di Baldassarre, Presidente del Corso di studi "Scienze delle attività motorie e sportive", l'Università "G. d'Annunzio" di Chieti e Pescara parteciperà alla 4ª edizione del “Miglio di Roma”, gara che richiama l’antica Corsa dei Berberi. Ogni anno sono centinaia i partecipanti provenienti da ogni parte del mondo. L’evento 2019, in programma per sabato prossimo, 11 maggio, ha già avuto oltre 1.700 iscrizioni. 

Organizzata dall’ASD “Atleticom” e patrocinata dal CONI, da Roma Capitale e dalla Regione Lazio, la manifestazione di corsa su strada sulla distanza del Miglio anglosassone (1.609,34 mt.) si svolge sotto l’egida della FIDAL, è inserita nel calendario nazionale ed è insignita del riconoscimento di “Silver Label”.

Il team della “d’Annunzio” parteciperà con una squadra mista fatta di studenti provenienti da vari Corsi di studio e inseriti nel progetto "Allenarsi per la salute into the wild", che sarà discusso nell'ambito della sezione "One Mile Minds", un concorso di idee progettuali rivolte alle diverse sezioni “Sport & comunicazione”, “Sport & società”, “Sport & psicologia, “Sport & riabilitazione”, “Sport & innovazione”. Ogni team infatti, oltre a cimentarsi nella corsa, ha dovuto precedentemente elaborare un progetto che, a margine della corsa, dovrà essere illustrato sul palco di Piazza del Popolo in soli tre minuti sia al pubblico presente sia alla giuria chiamata a valutare le idee in concorso. Il punteggio complessivo, frutto dei risultati ottenuti in gara e di quelli conseguiti dal progetto presentato alla giuria, determinerà la classifica finale. Nella passata edizione, quella del 2018, il team della “d’Annunzio”, guidato dalla professoressa Angela Di Baldassarre, si è classificato al primo posto grazie al mix vincente fatto della brillante prestazione sportiva del gruppo e della qualità del progetto, coordinato dai docenti di “Giornalismo sportivo”, Marco Tontodonati e Daniela Burgassi.

Maurizio Adezio