sport >> Altri sport >> SICUREZZA STRADALE

Editoriali

Guida TV

SICUREZZA STRADALE
SICUREZZA STRADALE

Pescara, 26 novembre 2019 - In programma anche la proiezione del docufilm “GAMBE”. La scorsa settimana, a distanza di poche ora l’una dall’altra, due campionesse di ciclismo, Letizia Paternoster e Vittoria Bussi, sono state investite sulla strada durante l’allenamento. Secondo i dati del Viminale, in Italia muore sulla strada un ciclista ogni 32 ore. Si tratta di un problema culturale che non riguarda solo gli atleti, ma anche i ciclisti urbani, gli utenti deboli della strada. Tra i 254 morti del 2017 c’erano bambini, adolescenti, donne, anziani.

Persone che usano la bicicletta per andare al lavoro, a scuola, a fare la spesa. Pescarabici, l’associazione Fiab di Pescara, è particolarmente impegnata, come la Federazione Italiana, ad affrontare il tema della sicurezza dei ciclisti, un tema che ha portato la Fiab nazionale ai tavoli ministeriali per studiare le modifiche del Codice della strada, che purtroppo tardano ad arrivare.

In questa ottica rientra l’iniziativa in programma mercoledì mattina, 27 novembre, all’Istituto di Istruzione Superiore Alessandro Volta, in via A. Volta a Pescara, dove Pescarabici ha organizzato, in collaborazione con l’istituto diretto dalla Prof.ssa Maria Pia Lentinio, la proiezione del docu-film “GAMBE” della Fondazione Michele Scarponi. A presentare il film sarà Marco Scarponi, fratello di Michele, il campione italiano di ciclismo morto in seguito ad un incidente stradale nell’aprile 2017, dopo essere stato investito da un furgone durante l’allenamento.

Marco Scarponi, insieme a tutta la sua famiglia, ha istituito la Fondazione Michele Scarponi ONLUS (www.fondazionemichelescarponi.com) che crea e finanzia progetti che hanno come fine l’educazione al corretto comportamento stradale, a una cultura del rispetto delle regole e dell’altro. La Fondazione collabora con il mondo dello sport, la scuola, le forze dell’Ordine, con gli organi statali deputati a controllare, mettere in sicurezza ed educare alla sicurezza stradale e con tutte le organizzazioni che hanno i medesimi obiettivi.

Tra le varie iniziative della Fondazione c’è la realizzazione del docufilm che lo stesso Marco sta promuovendo nei teatri, nei cinema e nelle scuole di tutta Italia. Un progetto con cui la Fondazione intende fermare i propri ideali, discuterli, per portare il suo contributo alla lotta contro la violenza stradale, partendo dal triste assunto che la strada oggi è dominata dalle auto, e in strada muoiono quasi 3.500 persone l’anno.

“Gambe” racconta come la strada può diventare anche dei disabili, dei bambini, dei pedoni e dei ciclisti, perché la strada è di tutti, a partire dai più deboli.

La proiezione sarà anticipata dalla presentazione della Fondazione e dei motivi che sono alla base della sua istituzione, e sarà seguito da un dibattitto con gli studenti.

“L’Istituto Alessandro Volta – dichiara Filippo Catania, Presidente di FIAB Pescarabici - che ha, tra l’altro, l’indirizzo sportivo, è molto attivo e vicino al mondo dello sport e della meccanica. Ci è sembrato adatto ad accogliere questo evento che la dirigenza scolastica ha accettato e promosso con convinzione ed entusiasmo. D’altra parte momenti come questi sono altamente educativi per i giovani che si apprestano a guidare l’auto, ma che già sono “utenti deboli” della strada, dovendosi spostare frequentemente in moto e in bicicletta. Intendiamo moltiplicare queste iniziative – puntualizza il Presidente Catania - e aprirle alla partecipazione dei genitori”.

L’incontro con gli studenti avrà luogo a partire dalle 10,50 nell’aula magna dell’istituto.

Chi fosse interessato a conoscere Marco Scarponi può partecipare ad una breve conferenza stampa che avrà luogo alle 10,30, appena prima dell’incontro con gli studenti.

Fondata nel 1988, FIAB Onlus-Federazione Italiana Ambiente e è oggi la più forte realtà associativa di ciclisti italiani non sportivi. Con quasi ventimila soci suddivisi in 190 associazioni e sedi in tutto il territorio italiano, FIAB è, prima di tutto, un’organizzazione ambientalista che, come riporta il suo Statuto, promuove la diffusione della bicicletta quale mezzo di trasporto ecologico in un quadro di riqualificazione dell'ambiente, urbano ed extraurbano.. Tra le numerose iniziative, FIAB organizza ogni anno Bimbimbici, manifestazione nazionale dedicata a bambini e ragazzi che coinvolge oltre 200 città, e Bicistaffetta, per promuovere il cicloturismo quale volano economico del nostro Paese e sostenere lo sviluppo della rete ciclabile nazionale Bicitalia. Con il progetto ComuniCiclabili, infine, FIAB misura e attesta il grado di ciclabilità dei comuni italiani con il riconoscimento con un punteggio (da 1 a 5 bike-smile) apposto sulla bandiera gialla. FIAB aderisce a ECF-European Cyclists’ Federation, la Federazione Europea dei Ciclisti. Presidente di FIAB è Alessandro Tursi. Per info: www.fiab-onlus.it