sport >> Altri sport >> WINTER DOWNHILL

Editoriali

Guida TV

WINTER DOWNHILL
WINTER DOWNHILL

Pescocostanzo, 22 gennaio 2020 - Chi lo ha detto che le piste da sci siano ad uso e consumo esclusivo di snowboarder e skiers? A Pescocostanzo, comprensorio nel cuore dell’Appennino Abbruzzese, inserito nella splendida cornice del Parco Nazionale della Majella, sicuramente non è così! Sabato 25 e domenica 26 gennaio 2020 lo ski resort inserito all’interno del consorzio SkiPassAltoSangro, il più grande del centro-sud Italia, ospiterà infatti un’innovativa gara di Mountain Bike riservata a bici da downhill ed eMTB.  Il regolamento della competizione? È molto semplice! Si partirà da quota 1756 m per arrivare a 1480 m, sfrecciando lungo i 2,5 km della “Pista Panoramica” di Pescocostanzo.

L’obiettivo dei partecipanti, che partiranno uno alla volta a distanza di 60 secondi l’uno dall’altro, è quello di completare il tracciato della gara (un misto di slalom lungo le pendenze alternato con tratti aperti) nel minor tempo possibile. La gara, che ha un limite massimo di 100 partecipanti, si svolgerà su due manche se a presentarsi al via saranno meno di 30 atleti, in una sola se saranno di più. Sabato 25 gennaio i partecipanti avranno modo di testare il tracciato di gara mentre, domenica 26 gennaio, si comincerà alle ore 10.00 con la prova riservata a bici muscolari da downhill e a seguire quella per i concorrenti con le eBike. A tutti gli iscritti alla gara verranno riconosciuti 5 punti per il Gravity Challenge 2020.

"Siamo davvero orgogliosi per la straordinaria organizzazione di questa competizione – ha dichiarato Fausto Tatone, direttore di Pescocostanzo Mountain Resort, che ha aggiunto – conosciamo tutti le condizioni particolarmente critiche degli ski resort del centro Italia. In questo senso Pescocostanzo è un fiore all’occhiello in tema di innevamento artificiale ed organizzazione di manifestazioni che vadano incontro ai nostri ospiti e a tutti gli amanti della Montagna, a prescindere dalle condizioni meteo. Un ringraziamento doveroso va alla Extreme Team Asd, che si occupa dell’organizzazione sportiva della competizione, e a tutti gli sponsor e alle realità locali che ci stanno supportando. Siamo certi che sarà uno spettacolo unico, che ripeteremo nei prossimi anni”.  

 

Roberto D'Amico